Battlebeats – Search And Destroy

Battlebeats – Search And Destroy

Estate, caldo asfissiante. Avete voglia di qualcosa di fresco ed esotico? Ce l’abbiamo, e arriva precisamente dall’Indonesia. Si chiama Battlebeats, ovvero una one man band impersonificata nella figura di Andresa Nugraha, cartoonist e musicista indipendente che, come avrete capito, fa tutto da solo (canta e suona chitarra e batteria) nel suo progetto. Leggenda narra che tutto sia partito dalla band precedente in cui militava Andresa, e durante un tour in Giappone si è ritrovato in un bar a conoscere il suo idolo, Fifi dei giapponesi Teengenerate, al quale mostrò i suoi disegni e testi di canzoni; ciò incontrò il favore di Fifi, che condivideva col giovane fan la stessa passione per il rock ‘n’ roll e il power pop, e gli suggerì il nome Battlebeats per la sua creatura. E così, dopo un paio di Ep, il progetto è finalmente giunto, nel 2020, all’incisione dell’album di debutto, intitolato “Search And Destroy” e rieditato lo scorso marzo su Alien Snatch! Records in sole 300 copie. Un garage punk ruspante e dritto al punto (nessuno dei 17 brani dell’Lp si spinge oltre i 2 minuti e mezzo di durata, per un disco che non supera la mezz’ora) è ciò che i vostri timpani devono attendersi da questo debutto (in cui potrete ascoltare, come influenze figurative, Teengenerate e Guitar Wolf fare a cazzotti coi Reatards, prima di riappacificarsi davanti a una cassa di birra e andare insieme in pellegrinaggio sulle tombe di Eddie Cochran e Chuck Berry, per farne rivivere l’ologramma) e non stupitevi se poi li sentirete ballare e chiedervi di premere di nuovo “play” e suonarlo ancora e ancora. Fare una analisi di ogni brano, in questo caso, è operazione inutile: bisogna solo alzare il volume e lasciarsi trasportare dal flusso. Ogni tanto l’Occidente ha bisogno di un bel calcio nel culo!

TRACKLIST

1. It Should Have Been Me
2. Stitch Your Heart Up
3. She’s So Overrated
4. When I Got Rock ’N’ Roll
5. I’m Just A Piece Of Shit
6. Inside Your Heart
7. You’re My Wild One
8. Bedroom Fiasco Blues
9. It’s Time To R’N’R
10. They Got Mad At Me
11. I Don’t Wanna Go Back Home
12. I Wanna Break Away
13. Won’t Get A Life
14. She Don’t Need You
15. You Stabbed Me In The Back
16. Search And Destroy
17. Let’s Get Hurt

CREDITS

Guitar, Vocals, Drums, Tambourine, Songwriter, Artwork ByAndresa Nugraha

Mastered ByA-Hule-Hule, Emanuele Baratto

Recorded ByIrsyad Ali Sofi

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.