A Place To Bury Strangers – Onwards To The Wall

“Onwards To The Wall” è l’imperdibile antipasto di ciò che sarà il prossimo full-lenght di questo devastante trio.

A Place To Bury Strangers - Onwards To The Wall 1 - fanzine

Possono bastare 5 brani e meno di 20 minuti complessivi di musica per trasmettere a chi ascolta un vortice di sensazioni che spesso altre band non riescono a produrre nell’intero spazio disponibile in un cd ?

La risposta è sì, senza dubbio; devo ammettere che è un’esperienza utile oltre che gratificante occuparsi, di tanto in tanto, di generi che si apprezzano ma che non costituiscono, per così dire, il proprio pane quotidiano.
Così, imbattendomi negli A Place To Bury Strangers non ho potuto fare a meno di godermi questa breve quanto intensa dimostrazione di devastazione sonora.
Certo, chi negli anni ’80 non si trovava ancora in fasce ma aveva la possibilità di vivere in presa diretta l’evoluzione di certe sonorità, non può fare a meno di constatare che questi ragazzi di New York suonano come una sorta di versione inasprita dei Joy Division.
Ovviamente ciò deve essere valutato in un’ottica positiva, poiché la rumorosa urgenza sonora di Oliver Ackermann e soci risulta assolutamente irresistibile nell’arco delle 5 tracce proposte.
I Lost You e Far Away ingranano da subito le marce alte e non lasciano respiro all’ascoltatore, poi, quando entra in scena l’entusiasmante title-track con il suo basso martellante, non si può fare a meno di immaginare Curtis, Sumner, Hook e Morris calati nel degrado urbano della Grande Mela del XXI secolo.
Forse gli ultimi due brani indulgono un po’ troppo in rumorismi dissonanti, anche se ciò contribuisce a perpetrare l’effetto disturbante che la band si è proposta di somministrare fin dalla prima nota.
Di sicuro Onwards To The Wall è l’imperdibile antipasto di ciò che sarà il prossimo full-length di questo devastante trio.

Tracklist:
1. I Lost You
2. So Far Away
3. Onwards To The Wall
4. Nothing Will Surprise Me
5. Drill It Up

Line-up:
Oliver Ackermann – Guitar, Vocals
Jay Space – Drums
Dion Lunadon – Bass

Avatar

Autore: Stefano Cavanna

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.