23 And Beyond The Infinite – Elevation To The Misery

23 and beyond the infinity - Elevation to the Misery

23 And Beyond The Infinite – Elevation To The Misery

23 and beyond the infinity - Elevation to the Misery

23 and beyond the infinity – Elevation to the Misery

Di cosa parliamo quando parliamo di psychedelia?

Dare delle definizioni appare troppo spesso riduttivo e rischia di tralasciare, più o meno consapevolmente, troppi particolari che invece sarebbero fondamentali. Ma dato che oramai nel ginepraio delle descrizioni mi ci sono, incautamente, inoltrato tanto vale dire la mia con il massimo dell’umiltà e conscio di quanto possa essere lungi dall’ infallibilità.

Bene quindi eccola la mia opinione a riguardo: la psychedelia è uno stato della mente, è molto più di un suono, è un modo di porsi e di comunicare, è qualcosa che prende chi la ascolta e lo accompagna in un mondo parallelo, che lo sgancia dalla realtà troppo spesso piatta di un vivere fatto di tanti troppi tristi stereotipi.

Parafrasando i CGB è qualcosa nella quale o sei uno che conta o sei fuori. Inerpicarsi in questo terreno così scosceso non è quindi assolutamente agevole, ci vogliono davvero un’attitudine e un feeling che in pochi possiedono.

Fra questi si possono tranquillamente annoverare i beneventani 23 and beyond the Infinity e lo dimostra, senza tema di smentita, questo Elevation to the Misery.

Il compito di aprire le danze spetta a Brave New World nella quale ho scorto echi neppure troppo velati di un album che adoro qual’è Taste dei Telescopes, seguono, senza per questo voler tralasciare i brani che non citerò, Playhouse nella quale esplodono ciclicamente sprazzi di una follia che viene a stento sopita, It is What it is che con i suoi gorghi stordenti esplicita il passo leopardiano dell’infinito in cui il poeta diceva “Naufragar m’è dolce in questo mare”, Pendejo la cui tribale percussività può ricordare i Suicide che incontano e collidono con i 13th Floor Elevators, chiude il tutto Las Vegas una cavalcata acida che conferma – semmai ce ne fosse bisogno – gli effetti devastanti che hanno avuto gli Spaceman Three sui cuori e sulle menti più ricettive.

Se volete farvi del bene e, credetemi, spesso non è un bisogno ma una necessità, date un ascolto a questo disco.

Chi mi conosce sa quanto non sia per nulla nazionalista (nostra patria è il mondo intero) ma ogni tanto ci si può dire fieri che determinate cose arrivino dalla una delle, supposte, periferie dell’impero.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati