Tra Le Pieghe Più Profonde Dell’anima: Yeule, Glitch Princess (bayonet Records, 2022)

Tra Le Pieghe Più Profonde Dell’anima: Yeule, Glitch Princess (bayonet Records, 2022)

Le monadi non hanno porte, né finestre, dalle quali qualcosa possa entrare o uscire” scriveva il filosofo tedesco Gottfried Wilhelm Leibniz. Questo disco è esattamente il tentativo di rendere in forma musicale questo concetto.

Nat Cmiel, in arte Yeule, ha un passato da hikikomori: ha vissuto per un certo periodo di tempo rinchiusa tra le quattro pareti della propria cameretta, divorata da schiere di demoni interiori, incapace di affrontare il mondo esterno, e soprattutto  l’orrore rappresentato dagli altri.

Questo stato di reclusione auto inferto è stato per lei, in qualche modo, catartico: le ha permesso di attingere a una dimensione dell’interiorità che non a tutti è dato toccare.

Questa ragazza si è riscoperta in quanto monade: chiusa in se stessa, ha potuto finalmente liberare la spontanea e naturale espressività della mente, autocomprendendosi come unità spirituale assoluta, libera.

La spontaneità dell’atto creativo si apre con una sorta di autoconfessione/presentazione: “my name is Nat Cmiel, i am 22 years old, i like music, dancing ballet… “ recita una voce spezzata, ansimante, distorta. È la nuda rappresentazione dell’io di fronte a se stesso, una celebrazione dell’autarchia psichica intenta a mettere in scena il teatro dell’ego. Segue una serie di canzoni di qualità davvero superiore: elettro pop, synth, dreamwave.

Melodie perfette, una voce spesso pitchata, in basso o in alto poco importa, dato che qui, tra le pieghe dell’anima, tutto si ribalta continuamente. Giochi barocchi di luci e ombre, aperture che in realtà si rivelano essere chiusure, anamorfosi, metafore, metamorfosi: dire tutto per non rivelare nulla, questo è lo scopo.

È una musica intimista, certo, espressionista, ma che non svela se non per ingannare. Anche quando i pezzi sono in tonalità maggiore, anche quando la voce ricama notine al miele, queste non sono un’ambrosia divina, una panacea per tutti i mali; al contrario, sono un distillato di oscurità, un rivelatore di profonde inquietudini interiori.

L’ultima traccia è un tappeto sonoro della durata di quasi cinque ore. E qui la monade rivela il suo fondo oscuro: sono le pieghe più profonde dell’anima, che si piegano e si ripiegano su se stesse all’infinito, in un inestricabile tutto indistinto, un magma informe ma vivo, brulicante, attivo.

Certo, in esso non riusciamo a distinguere alcunché: del lato più profondo di noi stessi non siamo in grado di comprendere nulla. Ciò nondimeno la sua presenza si sente, pesa come un macigno sulle nostre coscienze inermi, fragili e aleatorie.

Questa, credo, la lezione che Yeule vuole darci con questo disco: siamo atomi oscuri e incomprensibili, eppure così dannatamente belli.

Yeule, Glitch Princess (Bayonet Records, 2022)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.