iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Winter Of Sin – Violence Reigns Supreme

"Violence Reigns Supreme" si rivela per distacco il picco nella discografia dei Winter Of Sin oltre che, in assoluto, uno dei migliori lavori ascoltati nel genere in questi primi mesi dell'anno.

Winter Of Sin – Violence Reigns Supreme

Gli olandesi Winter Of Sin sono una band che, dopo quasi quindici anni di attività e tre album all’attivo, grazie ad una serie di circostanze e ad una decisa svolta stilistica si ricavano finalmente la possibilità di ottenere le gratificazioni venute meno in passato.

Lo scioglimento dei ben più noti God Dethroned ha fornito l’opportunità ai due membri fondatori, Ricardo Gelok e Dirk Barelds, di reclutare al microfono l’ottimo Henri Sattler, ottenendo il duplice effetto di potersi avvalere di un vocalist di rara efficacia e di sfruttare l’occasione per spostare il sound su versanti maggiormente orientati al death.
Così i Winter Of Sin attuali, abbandonate le sonorità dedite ad un black metal melodico apprezzabile ma privo di particolari sbocchi, si sono trasformati a tutti gli effetti in un combo black-death di eccellente levatura.
La band di Groningen si esprime come un’inarrestabile e ben oliata macchina da guerra, capace di sciorinare una decina di brani dotati di un gran bel tiro nei quali, però, l’anima melodica non è andata affatto smarrita.
L’eccellente lavoro chitarristico di Ricardo e Dirk contribuisce in maniera decisiva alla perfetta resa di tracce travolgenti come Eternal Winter, la title-track, Black Ashes, caratterizzata da splendidi spunti melodici, e Virus, breve intermezzo epico-acustico: un quartetto di brani che, scorrendo uno dopo l’altro, costituisce senz’altro il fulcro dell’album.
Anche se alla lunga un minimo di stanchezza affiora, Violence Reigns Supreme si rivela per distacco il picco nella discografia dei Winter Of Sin oltre che, in assoluto, uno dei migliori lavori ascoltati nel genere in questi primi mesi dell’anno.

Tracklist:
1. Astral Death Reign Algorith
2. Maelstrom
3. Eternal Winter
4. Violence Reigns Supreme
5. Black Ashes
6. Virus
7. Infection of Infinity
8. Inheritors of Pain
9. Unleash Mayhem
10. Biomechanoid

Line-up :
Henri Sattler – vocals
Dirk Barelds – guitar, bass
Ricardo Gelok – guitar, bass
Michiel van der Plicht – drums

WINTER OF SIN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.