iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Warfect – Exoneration Denied

Ennesima buona prova di una band dedita ad un thrash di stampo tradizionale ma che non si porta appresso alcun retrogusto stantio.

Warfect – Exoneration Denied

L’unico problema, per i bravi Warfect, è che la cosa ormai non fa più notizia, tali e tante sono le band che si sono buttate a capofitto, spesso con buoni risultati, in questa riproposizione di un genere che, a una trentina d’anni dai suoi primi vagiti, pare vivere una seconda giovinezza.
Quali possono essere, quindi, gli elementi che una band come quella svedese deve provare a porre in evidenza per far sì che il proprio secondo album riesca a ritagliarsi una sufficiente visibilità? Tralasciando innovazioni e contaminazioni che non fanno parte (giustamente) del DNA di chi suona questo genere, non resta perciò che picchiare come fabbri senza dimenticare di farcire il tutto con una buona tecnica, una manciata di ottime canzoni e soprattutto una sana dose di passione, caratteristica questa in grado di fungere da spartiacque tra la sterile riproposizione degli stilemi del genere e una proposta in grado ottenere l’attenzione degli ascoltatori dal primo all’ultimo minuto.
Exoneration Denied centra, per fortuna, quest’ultimo obiettivo in virtù di un songwriting sicuramente lineare ma ugualmente avvincente, impostato sempre su ritmi sostenuti con la sole e riuscite eccezioni delle pregevoli Retribution Unfold e Nation Divided che lasciano spazio a qualche rallentamento, fornendo lo spunto al bravo vocalist Fredrik Wester di esibire anche le proprie doti di chitarrista.
I Warfect mettono sul piatto un riuscito mix tra le sonorità slayeriane e quelle della scuola teutonica e, finchè questi sono i risultati, ben vengano album nei quali la poca originalità è ampiamente compensata da un brillante padronanza della materia.

Tracklist :
1. Exoneration Denied
2. Drone Wars
3. Filled With Hate
4. Inflammatory
5. Retribution Unfold
6. The Prince
7. Nation Divided
8. Slit With Razor
9. Roman Disfigure
10. Pried from Earth

Line-up :
Kristian Martinsson – Bass, Vocals (backing)
Mattias Kern – Drums
Fredrik Wester – Vocals, Guitars

WARFECT – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.