iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Warckon – The Madman’s Lullaby

Pur senza apportare chissà quali stravolgimenti ad un genere musicale dai confini ben definiti, il giovane quartetto fiammingo sciorina una serie di tracce che denotano una notevole padronanza della materia e facendo presagire sviluppi importanti per il futuro.

Warckon – The Madman’s Lullaby

The Madman’s Lullaby non è un album nuovo di zecca poiché si tratta della riedizione, a cura della Emanes, del primo lavoro dei fiamminghi Warckon, risalente al 2011.

Del resto, senza il supporto di una label volenterosa come quella francese, difficilmente questo pregevole esempio di thrash metal sarebbe potuto uscire fuori dagli angusti confini della scena locale. E ciò sarebbe state un vero peccato.
Va detto che i Warckon, dopo aver autoprodotto il proprio disco d’esordio, hanno intrapreso un’intensa attività live che ha fornito loro una discreta popolarità in zona Benelux e dintorni, occupando però gli spazi necessari per produrre un nuovo lavoro e rendendo, così, opportuna la scelta di riproporre The Madman’s Lullaby con una nuova veste grafica.
Pur senza apportare chissà quali stravolgimenti ad un genere musicale dai confini ben definiti, il giovane quartetto belga sciorina una serie di tracce che denotano una notevole padronanza della materia, risultando comunque leggermente più elaborati dei compagni di etichetta Infinite Translation e Omission, recentemente trattati su Iyezine, in virtù di una maggiore varietà stilistica, ben rappresentata da diversi passaggi acustici e da azzeccati assoli di chitarra dalle melodie ben memorizzabili.
Valgano come esempi un brani come Trapped, trascinante nella sua ritmica indiavolata, o anche la successiva After The Noise, nei quali viene evidenziato la non comune capacità da parte di Wouter e Jonas di esibire passaggi di grande impatto.
Lo stesso Wouter si occupa della voce, che invero è l’unico aspetto non del tutto convincente trattandosi di un recitato-urlato di stampo hardcore che talvolta si rivela un po’ piatto.
Nulla da dire invece sul resto della prestazione strumentale, che regala i canonici tre quarti d’ora di headbanging all’insegna di un thrash ben congegnato, figlio della bay Area e ricco di spunti più riflessivi , come nella bella traccia strumentale Salvation.
Questa è una band che non si limita al consueto, per quanto gradito, palla lunga e pedalare, ma mostra d’avere qualcosa in più a livello di songwriting; i Warckon ora sono padroni del proprio destino: se riusciranno a sviluppare in maniera ottimale le doti evidenziate smussando alcune fisiologiche imperfezioni, il prossimo disco potrebbe consacrarli come una delle realtà emergenti più in vista della scena thrash europea.

Tracklist:
1. As The Death Knell Dolls
2. The Madman’s Lullaby
3. Trapped
4. After The Noise
5. Shattered Illusions
6. Lord Of Lunacy
7. Salvation
8. The Tower
9. Path To The Gallows
10. Back Against The Wall

Line-up:
Wouter Langhendries: Guitar – Vocals
Jonas Bergmans: Chitarra
Marijn Lostermans: Bass
Marijn Langhendries: Batteria

WARCKON – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.