Wall Washington – Bandita

Un gran bel disco dal cuore punk western della provincia.

Wall Washington – Bandita

I Wall Washington sono un gruppo composto da persone esperte, con diversi progetti non solo musicali alle spalle, vicino e davanti, che hanno deciso di fare musica per divertirsi, come dovrebbe essere per tanti.

Divertendosi nel fare musica senza pose, attrezzi e produzioni costose, i Wall Washington fanno un ep autoprodotto che è un compendio del punk a stelle e strisce più genuino e vero, con un tiro decisamente Social Distortion melodici e anche un po’ western.
Il progetto è realmente genuino e rimanda a quell’ambiente punk rock italiano della prima metà degli anni novanta che era uno vero spettacolo, ma Bandida non è solo nostalgia, è fare musica per divertirsi e divertire, senza quelle brutte derive che vediamo oggi. Qui troviamo competenza, passione, sudore ma anche rispetto per se stessi e per chi ascolta. Sentendo il disco viene davvero voglia che sia un disco di lunga durata, perché i Wall Washington divertono e non poco. Il tutto è impreziosito dalla sovrumana matita mentale di Marco Castagnetto. Il mixaggio e la masterizzazione sono stati eseguiti molto bene, con uno spirito assai vicino a quello sopracitato.
Un gran bel disco dal cuore punk western della provincia.

TRACKLIST
01. Feeling Better
02. Alcoholic Angels
03. Zore – Zone
04. SIx Penny Star
05. The Secret

LINE-UP
Sonia Jane Babe : Vocals
Andy : Guitars,Vocals
Gerry :Drums
Ivan :Bass

WALL WASHINGTON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.