Viviankrist/La Furnasetta, Noise for all Genders (Taxi Driver Records, 2022)

Viviankrist/La Furnasetta, Noise for all Genders (Taxi Driver Records, 2022)

Taxi Driver Records centra nuovamente il bersaglio con questo split che vede alternarsi da una parte la geniale artista giapponese, accasatasi da tempo in Norvegia, Viviankrist - nume tutelare del dark ambient e dello harsh noise - e dall’altra La Furnasetta, enigmatico progetto nostrano la cui reale identità resta tutt’oggi celata dietro a sperimentazioni elettroniche sonore e multimediali di impareggiabile qualità.
Taxi Driver Records centra nuovamente il bersaglio con questo split che vede alternarsi da una parte la geniale artista giapponese, accasatasi da tempo in Norvegia, Viviankrist – nume tutelare del dark ambient e dello harsh noise – e dall’altra La Furnasetta, enigmatico progetto nostrano la cui reale identità resta tutt’oggi celata dietro a sperimentazioni elettroniche sonore e multimediali di impareggiabile qualità.
Viviankrist/La Furnasetta, Noise for all Genders (Taxi Driver Records, 2022) 1 - fanzine
Il lato A, a cura di Viviankrist, è composto da quattro tracce: Creation of new generation, Dynamism for passion, As human being, Possibility. Quattro operazioni a cuore aperto, in cui la nippo chirurgo impazzita gioca con i brandelli della nostra anima inerme: taglia, divide, scompone per poi ricomporre, ricucire, ricostituire il tutto a propria immagine e somiglianza.
Con perizia e dedizione frantuma uno a uno gli atomi di cui siamo composti, spezzetta e mette in fila i miliardi di pezzetti del nostro io come un perverso gioco lego.
Non ha nessuna pietà di noi, Viviankrist: assatanata, infierisce sui nostri cadaveri psichici, ci gioca, si diverte, sadica e perversa, incurante delle nostre grida di sofferenza affonda il bisturi, sempre più a fondo, inesorabile, sempre più giù, nel nero abisso.
Viviankrist/La Furnasetta, Noise for all Genders (Taxi Driver Records, 2022) 2 - fanzine
Dal fondo in cui siamo precipitati, ormai privati della nostra identità egotica, eccoci al lato B: nelle cinque creazioni de La Furnasetta (A requiem for Mark Gregory, Born against, Via Broletto, Asbestos Crypt II, Un’onorevole uscita) la musica si fa passaggio: le note, come un Caronte antimaterico, ci trascinano verso un viaggio siderale, un delirio allucinatorio nero e caleidoscopico al tempo stesso, un alternarsi di flash scurissimi e coloratissimi, in cui assistiamo alla nostra definitiva trasfigurazione tra cori di angeli, voci femminee che ci sussurrano la verità, la verità, nient’altro che la verità, cherubini demoniaci dal volto cangiante, metamorfici balbettii di viva e vorticosa realtà.
Una realtà multiforme, quella tratteggiata da La Furnasetta, un pattern volubile, soffice, instabile, quasi non esistente, senza dubbio potente, trascinante, un vortice dal quale non ci si riesce a liberare, e che chissà dove ci porterà, dato che la meta, in questo viaggio, non è data sapere.
Davvero un bell’album, impreziosito dalla magistrale illustrazione di copertina a cura di Diazepam, che conferisce al tutto un senso di sulfurea inquietudine da film horror vintage di serie Z, un morboso senso di brividi gelidi lungo la spina dorsale.
Acquisto obbligato e obbligatorio, già disponibile in preorder presso la pagina bandcamp dell’etichetta (taxidriverstore.bandcamp.com), l’uscita è fissata per il 23 settembre. Segnatevi la data, quindi: l’estate è terminata, ha inizio il freddo autunno dei morti.

Viviankrist/La Furnasetta, Noise for all Genders

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.