iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Vertigo Steps – Surface Light

I Vertigo Steps centrano in pieno il bersaglio con un’opera delicata e affascinante, caratterizzata da una produzione ottima e da una prova strumentale e vocale di prim’ordine.

Vertigo Steps – Surface Light

I Vertigo Steps arrivano al terzo full-length e lo fanno in maniera convincente, con il loro sound particolare, che amalgama in maniera equilibrata il dark in stile Anathema – Katatonia e il progressive – post metal alla Porcupine Tree.

Se, a un primo ascolto, Surface / Light risulta di non facile assimilazione, soprattutto se chi lo affronta è abituato a sonorità decisamente più pesanti, quando si riesce a penetrare nella profondità della proposta della band, se ne può apprezzare pienamente la qualità del songwriting.
Il gruppo ruota attorno alla figura del musicista portoghese Bruno A., che si avvale della collaborazione del finnico Niko Mankinen alla voce, peraltro coadiuvato da diversi ospiti, e di Daniel Cardoso, che oltre a produrre l’album, fornisce il suo prezioso contributo per quanto riguarda la base ritmica.
Ammetto d’essermi accostato con un po’ di sospetto a questo lavoro, soprattutto dopo aver raccolto informazioni su un progressivo ammorbidimento del sound nel corso degli anni, con relativo approdo stilistico dei Vertigo Steps verso un genere che non fa parte dei miei ascolti abituali; la soddisfazione derivata dalla scoperta di Surface / Light dimostra ancora una volta quanto possa essere controproducente ignorare, o sottovalutare, quanto avviene al di fuori del proprio background musicale di riferimento.
Il disco presenta una serie di brani coinvolgenti e dotati di grande appeal melodico, pur senza apparire mai smaccatamente commerciali, a partire da The Hollow, che è emblematica dello stile della band, con vocals in stile shoegaze e un lavoro di chitarra delicato quanto efficace. Silent Bliss, che viene subito dopo, è invece l’episodio più ritmato del lotto, mentre Railroads Of Life vive di un bel crescendo supportato dalla voce di Jan Transit, già membro della cult-band norvegese In The Woods.
Se Helsinki presenta un toccante assolo di chitarra, Someone (Like You) è una traccia “porcupiniana” dall’atmosfera rilassata quanto emozionante; “chadenfreude spicca nel contesto per la sua indubbia originalità, grazie a un intro dissonante, al riuscito ricorso all’elettronica ed a una cantilena infantile col sottofondo di minacciose voci in lingua tedesca, mentre The Porcupine Dilemma chiude l’album con i suoi cinque minuti dall’elevato tasso qualitativo, impreziositi dalla voce dell’ospite Patrik Karlsson.
I Vertigo Steps centrano in pieno il bersaglio con un’opera delicata e affascinante, caratterizzata da una produzione ottima ad opera di Cardoso (che replica così quanto già fatto con l’ultimo disco dei Thee Orakle) e da una prova strumentale e vocale di prim’ordine, non solo per la bontà dell’esecuzione ma anche per la sua sobria eleganza.
Surface / Light va ascoltato con la giusta predisposizione d’animo e possibilmente in maniera integrale; seguendo questi piccoli accorgimenti riuscirà a fare breccia anche nei cuori più metallici, analogamente a quanto accaduto al sottoscritto.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.