iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Varathron – Untrodden Corridors Of Hades

I Varathron, con "Untrodden Corridors of Hades" , rafforzano il loro status e, ciò che più conta, regalano agli appassionati un’altra perla dall’aura oscura e maligna.

Varathron – Untrodden Corridors Of Hades

E’ passato ormai un quarto di secolo da quando i Varathron pubblicarono il loro primo demo “Procreation of the Unaltered Evil”, passo iniziale di una carriera lunga e piuttosto prolifica, nonostante qualche pausa specie nell’ultimo decennio.

Stefan Necroabyssious, unico supersite in line-up della formazione che lo incise, continua ancora oggi a condurre con mano ferma il proprio vascello, rinvigorito dall’innesto di musicisti più giovani e dalle ottime doti tecniche; il risultato è un album come Untrodden Corridors of Hades che è esattamente ciò che ci si attenderebbe di ascoltare da una band storica (o di culto, chiamatela come volete): un sound devoto agli stilemi del genere ma sufficientemente moderno e soprattutto fresco e bel lontano dalla sterilità compositiva che spesso affligge chi ha una storia discografica proveniente da così lontano …
Terza punta del triangolo magico del black metal ellenico (con Rotting Christ e Necromantia, tutte band nate alla fine degli anni ’80), i Varathron sono sempre stati caratterizzati rispetto ai connazionali da un sound più “nordico”, per quanto connotato ugualmente da quella mediterraneità che è innata nel sound delle migliori band dell’Europa meridionale; l’aspetto che maggiormente colpisce e sorprende (ma fino ad un certo punto) è il fatto di trovarci di fronte ad un prodotto inciso e composto con una cura particolare: produzione eccelsa, con tutti gli strumenti ottimamente bilanciati, a supportare una prestazione vocale di Stefan convincente nella sua tonalità sofferte.
Il disco parte subito con una delle tracce migliori, Kabalistic Invocation of Solomon, che si dipana tra atmosfere rituali e ritmi piuttosto compassati, il terreno sul quale, peraltro, i Varathron paiono muoversi meglio, come dimostrano ancor più nello stupefacente black doom di Arcane Conjuring.
Il gusto melodico che rende memorabile Leprocious Lord è indiscutibile, anche se il meglio deve ancora arrivare sotto forma di un brano epico e oscuro al contempo come Death Chant, vicino per enfasi e solennità ai migliori Primordial; Realm of Obscure è una cavalcata che si sviluppa tra ottimi passaggi chitarristici e sfuriate ritmiche mentre The Bright Trapezium si snoda in maniera piuttosto lineare rispetto ai restanti brani prima di lasciare spazio alla degna conclusione del lavoro costituita da una Delve Into the Past, che regala un finale magnifico e dal costante crescendo emotivo.
A differenza di altri generi, evidentemente chi suona black metal non può permettersi di imbolsirsi con il trascorrere del tempo, pena la totale perdita della credibilità anche per i sui interpreti più blasonati; così, senza stravolgere il sound ma apportandovi qualche opportuno aggiornamento i Varathron, con Untrodden Corridors of Hades , rafforzano il loro status e, ciò che più conta, regalano agli appassionati un’altra perla dall’aura oscura e maligna.

Tracklist:
1. Kabalistic Invocation of Solomon
2. Realm of Obscure
3. Arcane Conjuring
4. Leprocious Lord
5. The Bright Trapezium
6. Death Chant
7. Delve Into the Past

Line-up:
Stefan Necroabyssious – Vocals
Achilleas C. – Guitars
Haris – Drums
Sotiris – Guitars
Stratos Kountouras – Bass

VARATHRON – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico