Vainaja – Kadotetut

Vainaja - Kadotetut 1 - fanzine

Vainaja – Kadotetut

Condividi:
Share

I finlandesi Vainaja sono l’ennesima piacevole scoperta della quale ci fa omaggio la scena death-doom nordeuropea.

I tre misteriosi sacerdoti di questo efferato culto ancestrale sono autori di un lavoro disturbante e dalle atmosfere cupe, che ben si addicono alle descrizioni di torture e supplizi riversati in lingua madre sui malcapitati ascoltatori.
Kadotetut è un disco che esige comunque la massima attenzione anche per altri motivi, oltre a quelli costituiti dell’immaginario costruito dai suoi autori.
Il death-doom dei Vainaja non mostra alcuna propensione melodica, andando invece ad attingere dal versante più tradizionale ed occulto del genere e rivelandosi affascinante pur nella sua essenzialità.
Il convincente lavoro di scrittura trova i suoi apici nei due brani successivi all’intro (Väärän ristin valtakunta e Kahleiden kantaja) e, forse, il solo piccolo difetto ascrivibile al trio finnico è suo indulgere un po’ troppo, dopo l’ancor ottima Risti kädessäni, in tentazioni sperimentali in occasione delle due tracce conclusive, anche se pure in questi frangenti non si fanno certo pregare nell’elargire riff densi e avvolgenti a supporto di un grezzo quanto efficace growl.
Kadotetut è un lavoro ottimo e sufficientemente diversificato rispetto alle consuetudini del genere, meritandosi così l’auspicabile apprezzamento da parte degli appassionati e confermando la Finlandia come una delle nazioni guida del death-doom in questo momento.

Tracklist:
1.Lankeemus (intro)
2.Väärän ristin valtakunta
3.Kahleiden kantaja
4.Valon lapset
5.Henkikaste (interlude)
6.Verinen lähde
7.Risti kädessäni
8.Viimeinen tuomio
9.Kadotettu (outro)

Line-up:
Wilhelm “The Preacherman” – Vocals, Bass
Kristian “The Cantor” – Guitars, Vocals
Aukusti “The Gravedigger” – Drums, Vocals

VAINAJA – Facebook

Condividi:
Share
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.