iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Unzucht – Rosenkreuzer

Non è certo una sorpresa constatare che i Rammstein hanno dato il via, in patria, ad un filone stilistico piuttosto interessante sia dal punto di vista qualitativo sia da quello commerciale.

Unzucht – Rosenkreuzer

In particolare, la Germania odierna pullula di band che si rifanno in maniera più o meno diretta alle sonorità di Lindemann e soci. Gli Unzucht possono essere inseriti a pieno titolo in questo novero, ma sicuramente dimostrano che, trovato un spunto di partenza comune, c’è la possibilità concreta di esplorare nuove sonorità oppure provare ad amalgamare con buoni esiti stili differenti.
Per capire cosa possano suonare i nostri è sufficiente guardare le foto promozionali che mostrano un quartetto piuttosto eterogeneo anche dal punto di vista estetico, con look che vanno dal classico metallaro al gothic-punk; comprensibile, quindi, che anche la musica si riveli alla fine un mix tra i tipici riffoni squadrati e un apprezzabile senso della melodia , il tutto infarcito da massicce dosi di elettronica.
Il risultato si rivela mediamente di ottimo livello, anche se i picchi, a mio avviso, sono rinvenibili nei brani più duri che denotano un tiro davvero invidiabile (Feuerstormz e Angst), mentre meno incisivi sono invece gli Unzucht allorché provano a rallentare l’andatura andando alla ricerca di variazioni sul tema di stampo più raffinato (Nymphonie) che paiono non essere nelle loro corde.
Per il resto l’impatto che scaturisce dallo scontro tra l’anima metal e quella elettro-melodica fornisce i suoi buoni frutti , come accade per esempio nel singolo Nur Die Ewigkeit.
Nonostante il ricorso all’idioma tedesco sia già stato sdoganato da tempo anche nei paesi non di madre lingua, l’impressione è che gli Unzucht, con questo loro secondo disco, possano ottenere un buon successo in patria, mentre è più improbabile che la loro musica possa essere esportata altrove. Del resto, pensare anche solo di avvicinare il successo raggiunto dai Rammstein sarebbe impensabile, però per chi volesse trovare un’alternativa stimolante alla band berlinese, alla luce anche del calo d’ispirazione denotato nell’ultimo lavoro in studio, Rosenskreuzer potrebbe rivelarsi un piacevole diversivo.

Tracklist:
01. Rosenkreuzer
02. Kind von Traurigkeit
03. Triebwerk
04. Nur die Ewigkeit
05. Feuerstorm
06. Zwischen den Welten
07. Das dunkle Tier
08. Angst
09. Der Versuch zu leben
10. Der Untergang
11. Entre dos Tierras
12. Nymphonie
13. Mit Dir oder ohne Dich (135)

Line-up :
De Clercq – Guitar, Electronics, Vocals
Der Schulz – Vocals
Blaschke – Bass
Fuhrmann – Drums

UNZUCHT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.