iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Untimely Demise – Systematic Eradication

Canadesi, provenienti dalla semi-impronunciabile regione del Saskatchewan, gli Untimely Demise fanno parte della nutrita scuderia della nostrana Punishment 18 e non sarà difficile, quindi, intuire quale genere propongano con questa loro seconda uscita intitolata Systematic Eradication.

Untimely Demise – Systematic Eradication

Come da pronostico questa mezz’ora abbondante di musica ci riserva del thrash metal tosto, diretto, ben eseguito ma pur sempre destinato a restare confinato in un gruppo compatto di buon livello medio dal quale è però quasi impossibile evadere, nemmeno fossimo al Giro d’Italia in una tappa per velocisti.
Va detto invero che il sound degli Untimely Demise ha il grosso pregio di non annoiare, sia per la durata limitata del lavoro sia per una certa tendenza a spaziare tra diverse sfumature , che di volta in volta ci portano a spasso per la storia del genere, andando a lambire le diverse scuole, da quella più classica della Bay Area, passando per quella teutonica, senza ovviamente dimenticare l’influsso dei connazionali Annihilator.
Interessanti, nel complesso, l’uso di una voce maligna alternata ad un tono più profondo e alcuni sconfinamenti in campo death, come avviene nella seconda traccia The Last Guildsman che si pone come piacevole anomalia all’interno del disco, con le sue sonorità accostabili addirittura agli Arch Enemy; in effetti il gusto per la melodia che mostra l’ottimo Sam Martz nei suoi passaggi solistici potrebbe essere sfruttato ancora meglio e con maggiore convinzione, proprio per provare a diversificare almeno in parte la proposta.
Nel complesso Systematic Eradication è un album piacevole che non va a modificare però, in alcun modo, lo status di “band di prospettiva” attribuibile oggi agli Untimely Demise.

Tracklist:
1. Spiritual Embezzlement
2. The Last Guildsman
3. Somali Pirates
4. Redemption
5. Navigator’s Choice
6. A Warrior’s Blood
7. Revolutions
8. Escape from Supermax

Line-up :
Murray Cuthbertson – Bass
Matt Cuthbertson – Vocals, Guitars
Cory Thomas – Drums
Sam Martz – Guitars (lead)

UNTIMELY DEMISE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sutratma – Images Beyond the Self / Realms of Eternal Immolation

La particolare scelta operata dai Sutratma ci consente di ascoltare circa un’ora e quaranta minuti di ottimo funeral doom atmosferico, composto con grande competenza, sempre con un occhio molto attento a un’idea di forma canzone che non è così scontata in questo sottogenere e, soprattutto, con un’importante componente melodica che rende molto più semplice l’assimilazione di tutti i brani, anche quelli di maggiore estensione.

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.