iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Unholy War – Tormented Souls

Promo di tre brani per i blacksters Unholy War.

Unholy War – Tormented Souls

Una cover dei Behemoth (Wolves Guard My Coffin) e due brani inediti compongono il demo dei blackmetallers francesi (ma di stanza a Stoccarda) Unholy War del polistrumentista Unholy ed del drummer Alek.

Il suono proposto è un black old school, oltranzista e soggiogato al thrash di scuola teutonica, satanista quanto basta per risultare il classico prodotto di metal estremo, influenzato dai modelli scandinavi Darkthrone (specialmente) e Mayhem; con le proprie chitarre zanzarose d’ordinanza, questi tre pezzi sembrano davvero usciti da una cassetta ritrovata in qualche cantina e risalente a una ventina di anni fa.
I due brani inediti si fanno comunque apprezzare, l’attitudine è quella giusta e sia la title-track sia Raise Of A New Aeon piacciono per velocità e ritmi indiavolati.
Manca un pizzico di personalità, che è auspicabile il duo possa acquisire con il tempo, ma la strada intrapresa, pur se piuttosto in salita visto l’affollamento nel settore, è quella giusta se gli Unholy War continueranno a seguirla con immutata convinzione e, nel frattempo, riusciranno a completare la line-up (la band è alla ricerca di altri membri, se qualcuno che vive dalle parti di Stoccarda fosse interessato si faccia avanti …)

Track list:
1.Raise Of A New Aeon
2.Tormented Souls
3.Wolves Guard My Coffin (Behemoth cover)

Line-up:
Alek – Drums
Unholy – Guitars,Bass,Vocals

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta