Underwell – The Chant Of Husks

Underwell - The Chant Of Husks   1 - fanzine

Pubblicato il

Scritto da

Si aggiungono al già notevole rooster in casa WormHoleDeath questi elettrizzanti Underwell, realtà italiana al secondo album su lunga distanza fondendo un metallo sferragliante con riuscite melodie, rendendolo un ottimo prodotto post-hardcore o metalcore come meglio preferite.

Un genere, che, in questi ultimi tempi. sforna gruppi a ripetizione, ma devo dire ben poche ai livelli della band lombarda, il cui esordio risale al 2008 con un Ep seguito dal primo album, datato 2011, “Plan Your Rebirth”.
Dopo anni di intensa attività live arriva la firma con la label nostrana che licenzia The Chant Of Husks, una prova di debordante metalcore che, aggressivo e arrembante nelle parti “arrabbiate”, si alterna ad un notevole senso della melodia, l’arma in più del combo, valorizzata da un vocalist strepitoso nella persona di Daniel, ottimo nello scream classico del genere, ma di un altro pianeta quando la sua voce pulita entra con raffinata prepotenza nelle canzoni.
È qui che il gruppo gioca le sue carte migliori, infatti le parti melodiche non sono solo intermezzi piazzati all’interno dei brani ma vere tracce dentro le tracce, ispirate e mai banali, che rendono l’ascolto di questo album vario e sorprendente.
Certo, non basta un bravo vocalist per convincere ed allora ecco che entra in gioco un songwriting di ottimo livello, una produzione spacca casse ed il resto della band che offre prestazioni pirotecniche sia da parte della massiccia sezione ritmica (Dave al basso e Tiaz alle pelli) sia nel gran lavoro delle due asce (Bertuzz e Marco).
Come detto, ci mettono tanto del loro gli Underwell per riuscire ad elevarsi e brani del calibro di Behind the Clay, con uno stacco melodico di una bellezza impressionante, un assolo che rasenta il metal classico e ritmiche colme di groove, dimostrano tutto l’eclettismo della band che continua a sciorinare grandi song come Dark Souls, Path of Fire, Chant of the Husks, senza mai mollare la presa, deliziandoci con il proprio “core” addomesticato da sonorità tipiche del sound di Seattle.
The Chant of Husks è un lavoro sopra la media, che ci consegna una band matura e con tutte le carte in regola per garantirsi un brillante futuro.

Tracklist:
1. Easy Escape
2. Deformation of the social scale
3. Long Lost Photograph
4. Dark Soul
5. Path Of Fire
6. Charging Darkness
7. The Arsonist
8. Chant Of The Husks
9. Chipotle
10.Shotgun Diplomacy

Line-up:
Daniel – Vocals
Bertuzz – Guitars
Marco – Guitars
Dave – Bass
Tiaz – Drums

UNDERWELL – Facebook

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.