iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ululate – Back To Cannibal World

Alla fine il principale motivo di interesse nei confronti questo lavoro risiede nell'area geografica di provenienza …

Ululate – Back To Cannibal World

Nonostante le dimensioni geografiche ed il numero di abitanti non si può certo dire che la Cina abbia invaso anche la scena musicale, men che meno quella metal.

Questa one man-band pechinese chiamata Ululate costituisce quindi, per certi versi, una novità presentandoci un lavoro all’insegna di un death brutale ed incompromissorio.
Tenendo fede, così, alla naturale capacità dei propri connazionali nel riprodurre abilmente cose preesistenti, il buon Spectre mette in scena un album impeccabile dal punto di vista formale ma che, appunto, appare una sorta di Bignami del brutal in salsa di soia.
Fino al terzo-quarto brano l’ascolto scorre anche piacevole (per quanto possa essere appropriato tale aggettivo per un disco di questo genere) dopo di che la ripetitività di fondo e la sensazione di aver sentito fin troppe volte certe soluzioni sonore da parte dei vari Cannibal Corpse, Suffocation e compagnia, si fa strada facendo cadere inevitabilmente nell’oblio Back to Cannibal World, e a nulla valgono alcuni inserti volti a farci capire che l’album non arriva dalle lande nordiche e nemmeno dagli States, bensì dal lontano oriente.
Intendiamoci, da chi si cimenta in questo genere non è che si debbano pretendere grandi spunti innovativi, ma qui la personalità si manifesta davvero in dosi omeopatiche.
Peccato, perché Spectre dimostra di conoscere molto bene la materia e la interpreta con buona perizia tecnica ma, francamente, il principale motivo di interesse nei confronti questo lavoro risiede nell’area geografica di provenienza …

Tracklist:
1. Not Always Be Silent
2. Red Wine
3. Decease and Sadness
4. Anxiety of Mortality
5. Enchantment
6. Mrs. Cobra
7. Real Catastrophe
8. Song Dan Ping

Line-up:
Spectre – All instruments, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.