Tortoise – Millions Now Living Will Never Die

Tortoise – Millions Now Living Will Never Die

Tortoise - Millions Now Living Will Never Die: La Thrill Jockey prosegue nel suo percorso di ristampa di tutta la discografia dei Tortoise. Con Maggio, rivede la luce ...

La Thrill Jockey prosegue nel suo percorso di ristampa di tutta la discografia dei Tortoise. Con Maggio, rivede la luce Millions Now Living Will Never Die, secondo album in carriera per la band di Chicago e, a voto unanime da parte della critica, uno dei dischi cardine degli anni ’90.

Djed, mastodontico brano di quasi ventuno minuti, apre il disco mutando forma svariate volte (rumorismi, piglio krauto, improvvise interruzioni, improvvisazioni di chitarra e molto altro). A riportarci con i piedi per terra ci pensa la successiva Glass Museum che, ondeggiante e avvolgente, colpisce al cuore in ogni sua parte (compreso il suo teso e nervoso cuore ritmico), mentre A Survey, con i suoi cerebrali impulsi di basso, cresce lentamente, lasciandoci il tempo di riflettere e riprendere contatto con la realtà. The Taut And Tame, nervosa ed incisiva, riprende le redini del discorso proponendo ritmiche fittissime, note di vibrafono (quasi marchio di fabbrica della band) e chitarre affilate (prima di sciogliersi in quiete melodie nel finale). Dear Grandma And Grandpa, infine, creando sottili fondali fatti di elettronica e tastiere, prepara l’orecchio per la conclusiva Along The Banks Of Rivers, brano dall’indole jazz, caratterizzato da un evocativo tema di chitarra reiterato all’infinito e declinato in strofe e ritornelli.

Che i Tortoise fossero un gruppo fondamentale e che Millions Now Living Will Never Die uno dei loro dischi migliori (se non il migliore) dovrebbero ormai saperlo tutti. Nel caso non fosse così, Thrill Jockey ci dà la possibilità di colmare la lacuna. Un disco che va assolutamente ascoltato.

TRACKLIST:
01. Djed
02. Glass Museum
03. A Survey
04. The Taunt And Tame
05. Dear Grandma And Grandpa
06. Along The Banks Of River

tortoise-millions now living will never die

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.