iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Thyrgrim – Dekaden

I Thyrgrim non sono forse tra i migliori in assoluto del lotto, ma la loro interpretazione del genere è quanto mai soddisfacente e Dekaden è un disco che non deluderà chi apprezza il black nella sua forma più genuina ma nel contempo sentita ed appassionante.

Thyrgrim – Dekaden

Quinto full length in dieci anni di attività per questa black metal band tedesca, forse meno nota di altre provenienti dal suolo teutonico ma non meno interessante.

Va detto che i Thyrgrim tutto sommato, rispetto ad altre realtà connazionali, aderiscono maggiormente agli stilemi stilistici scandinavi, e ciò avviene in particolare nella prima metà del lavoro, senza che comunque il tutto appaia deprecabile, anzi: il sound dei nostri compensa con una grande intensità quella che almeno in quella parte dell’album non si può certo definire una scrittura originale.
Hass, brano molto catchy e dai ritmi coinvolgenti, collocato al centro dell’opera, costituisce una sorta di snodo: infatti, a seguire, il breve interludio acustico prelude a quattro tracce splendide, dai ritmi più ragionati e dotate di un afflato melodico ed evocativo non indifferente: specialmente Der Weg e la conclusiva Wenn es schneit sono lì a ribadire ancora con forza come il black metal tedesco regali con regolarità implacabile band ed album di qualità superiore alla media.
I Thyrgrim non sono forse tra i migliori in assoluto del lotto, ma la loro interpretazione del genere è quanto mai soddisfacente e Dekaden è un disco che non deluderà chi apprezza il black nella sua forma più genuina ma nel contempo sentita ed appassionante.

Tracklist:
1. Dette er tysk svart metal
2. Die Hölle ist hier
3. Die Seuche Mensch
4. Zeichen deiner Schwäche
5. Hass
6. Interlude
7. Der Weg
8. Gezeiten
9. Sterbend II
10. Wenn es schneit

Line-up:
Kain – Guitars, Vocals
Berath – Bass
Freytod – Guitars
Irrsinn – Guitars

THYRGRIM – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.