The Showbiz – Do The Rock’n’roll

The Showbiz – Do The Rock’n’roll

Alcune sere fa guardavo in televisione un ottimo documentario sulla vita di Cassius Clay/Muhammad Alì narrato, splendidamente, dalla suadente voce di Federico Buffa.

Da buon feticista la mia attenzione è stata destata da un fotogramma che immortalava il campione nell’atto di inserire un 45 giri in quella che, per i tempi, dev’essere stata il massimo delle autoradio.

Un gesto in fondo così semplice, anche se il pugile di Louisville faceva pure quello con una classe ed una sfrontatezza unici, mi ha ricordato quanto ami quel tipo di formato vinilico, il sempiterno 7″ che non per niente conserva ancor’oggi un suo immutato intramontabile fascino. Ed è proprio di un 7″ che vado a parlarvi, quello realizzato dai validissimi Showbiz che in poco più di dieci minuti riescono nell’intento di far alzare dalla sedia ed a far ballare ogni ascoltatore di buon gusto.

Quattro sono le canzoni che compaiono in questo loro esordio; sul lato a si trovano il pezzo che da il titolo al disco un ottimo mix di radici e di punk, per quello che la mia militanza rock’n’roll mi ha insegnato le due cose addizionate danno per risultato lo psychobilly e You Look So Pretty che fa girare il motore della band al massimo regime essendo spedito e sostenuto al punto giusto. Si alza la puntina si gira lato e ci si imbatte nel mio pezzo preferito All The Girls un brano molto anni cinquanta ma che suona tutt’altro che passatista, lo segue Keep The Joke nel quale risalta l’anima più poppeggiante della band.

Bene come avrete capito vi ho parlato di un disco bello fresco e godibilissimo quindi rinunciate ad una birra scucite i soldi e fatelo vostro.

ETICHETTA: Tongue Records

TRACKLIST
Lato A : Do The Rock’n’roll, You Look So Pretty

Lato B : All The Girls, Keep The Joke

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati