iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Nihilistic Front – Process To Annihilation

Il duo australiano ci sbatte in faccia senza alcuna misericordia la lenta, ma inesorabile, disgregazione di un’umanità il cui dibattersi assomiglia sempre più ai terribili spasmi mortali di un insetto appena calpestato.

The Nihilistic Front – Process To Annihilation

La constatazione che gli ultimi lavori degli HellLight e dei The Nihilistic Front, ascoltati a pochi giorni di distanza uno dall’altro, possano essere catalogati entrambi sotto la voce “doom”, ci fa capire quanto ampio possa essere lo spettro sonoro di un genere che molti, in maniera superficiale, considerano solo “una specie di heavy metal suonato a 16 giri” ….

Infatti, se la band brasiliana incarna il lato consolatorio del genere, dove le melodie malinconiche tendono a rappresentare la fine di tutto come un qualcosa di doloroso ma accettabile, proprio in virtù della sua ineluttabilità, il duo australiano ci sbatte in faccia senza alcuna misericordia la lenta, inesorabile, disgregazione di un’umanità il cui dibattersi assomiglia più allo spasmo mortale di un insetto appena calpestato che non ad un eroico ansito di sopravvivenza.
Chris e Gaz, al loro quarto full-length, ma primo prodotto sotto l’egida di un’etichetta, la britannica Aesthetic Death, proseguono, con un titolo programmatico come Process Of Annihilation, il loro tetragono lavoro di demolizione psichica che dura fin dagli esordi datati 2006.
Nessuna concessione melodica, nessuna luce in fondo a un tunnel che, anzi, è probabilmente crollato intrappolando definitivamente chi al suo interno ne stava cercando affannosamente l’uscita …
I due musicisti di Melbourne fanno propria e rielaborano la lezione dei seminali concittadini Disembowelment, estremizzandola ulteriormente, se possibile, e lasciandoci in eredità, alla fine di questo viaggio di espiazione, un mondo in macerie come quello raffigurato nella copertina.
Un altro imperdibile monolite di incomunicabilità, perfetto per chi sia riuscito a mantenere ancora un barlume di lucidità dopo l’ascolto dell’ultimo disco degli Station Dysthymia …

Tracklist :
1. Confronted By the Obscure
2. Process to Annihilation
3. Opaque Shadows
4. A Working God

Line-up :
Gaz – Guitars, Bass
Chris – Vocals

THE NIHILISTIC FRONT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.