iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The King Is Blind – Bleeding The Ascension

Una prova di buon livello, sia pure con tutte le riserve derivanti da un minutaggio complessivo piuttosto ridotto per poter trarre delle conclusioni definitive.

The King Is Blind – Bleeding The Ascension

The King is Blind è una nuova band che si affaccia sulla scena death doom britannica con questo primo EP intitolato Bleeding the Ascension.

Il quartetto in effetti non è composto da musicisti all’esordio, visto che troviamo vecchie conoscenze della scena inglese come Steve Tovey, ex singer dei gotici Entwined, Barney Monger, batterista nella più recente incarnazione degli storici Extreme Noise Terror e il redivivo Paul Ryan, chitarrista che i meno giovani ricorderanno nella prima formazione dei Cradle of Filth e poi negli effimeri quanto sottovalutati Blood Divine, autori dello splendido “Awaken”.
I quattro brani esibiti in quest’occasione ci offrono una band alle prese con un death-doom molto robusto, assimilabile per attitudine a quanto fatto recentemente da Greg Mackintosh con i suoi Vallenfyre; tracce dal grande impatto, quindi, e una prestazione d’assieme convincente con una vecchia lenza come Paul ed il meno noto dei quattro, Lee A, sciorinare con disinvoltura riff granitici, talvolta su ritmi più veloci, sovente dilatati allo spasimo (come nell’opener Mors Somnis), riservando le sole aperture atmosferiche in quello che, non a caso, è la migliore traccia della tracklist, War in Christendom.
Buono anche il growl di Steve e senza sbavature la base ritmica appannaggio di Barney e dello stesso vocalist; tutto questo contribuisce alla realizzazione di una prova di buon livello, sia pure con tutte le riserve derivanti da un minutaggio complessivo piuttosto ridotto per poter trarre delle conclusioni definitive.
Non resta, quindi, che attendere i The King Is Blind alla prova dell’esordio su lunga distanza.

Tracklist:
1. Mors Somnis
2. What Is Will Not
3. War in Christendom
4. Revelation, Apocalypse

Line-up:
Lee A – Guitar
Steve T – Bass – Vocals
Paul R – Guitar
Barney M – Drums

THE KING IS BLIND – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.