iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Dirtiest – 100 Shots

Dalle rive dell'Arno ottime nuove

The Dirtiest – 100 Shots

Continua quella piaga ormai irreversibile che si chiama fuga di cervelli.

Dopo scienziati, medici e ricercatori pure i nostri migliori musicisti emigrano per pubblicare dischi su etichette straniere.

E’ questo il caso dei fiorentini Dirtiest – band dal background di prim’ordine – che pubblicano questo loro 7″ su Slovenly Records label americana dal catalogo che definire di alta qualità è voler essere decisamente riduttivi, se non avete loro dischi in casa state portando avanti un’esistenza ben misera.

Quattro sono i pezzi proposti dal gruppo, due sfacciatamente ramonesiani (e quindi adorabili) Cento Shot – grappa hey – e Dai Gas e Spilla uno più teso e “compresso” Soldi mentre lo splendido Macaroni è la risposta punk rock a L’Italiano di Toto Cotugno, suono alla Dead Boys e testo semplice caustico e geniale. Il vinile splendidamente azzurro marmorizzato fa di questo singolo un oggetto ancor più appetitoso.

Masterizza il tutto Tim Warren e se non sapete chi è siete compagni di merende di quello sbirro di Topolino.
Chi li ha visti dal vivo ne parla davvero bene, a me non è ancora capitata l’occasione di vederli, comunque nell’attesa di poter verificare certe voci tendenziose vi direi di fare vostro questo 7″ così giusto perché è bello davvero tanto.

Track List
Lato A : Cento Shot, Soldi
Lato B : Dai Gas e Spilla, Macherone

Etichetta Label: Slovenly Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Mourning After - Lately / Quit Bazar 7"

The Mourning After – Lately / Quit Bazar 7″

Pronti alla bisogna per assolvere nel migliore dei modi tale irrinunciabile esigenza ecco qui per me e per noi tutti, direttamente da quel di Sheffield, i veterani e collaudatissimi Mourning After ed il loro 7″ licenziato in questi giorni dalla Rogue Records.