The Dirtbombs We Have You Surrounded

The Dirtbombs We Have You Surrounded

The Dirtbombs We Have You Surrounded: (IN THE RED 2008) quarta prova sulla lunga distanza per questo gruppo di Detroit che attinge a garage, punk e soul per p...

(IN THE RED 2008)
quarta prova sulla lunga distanza per questo gruppo di Detroit che attinge a garage, punk e soul per produrre un suono sporco e coinvolgente. Guidati dal capitano di lungo corso Mick Collins, già negli importanti Gories, sono un gruppo dal forte impatto soprattutto dal vivo. Nascono nel 1995 come progetto collaterale, ma ben presto diventano una band vera e propria. La prima intenzione era di pubblicare solo singoli, ma poi la forma dell’album diventa predominante.

Questo album nasce come un ep di cinque canzoni, in seguito le canzoni sono diventate dodici. Il loro suono è simile a quello di molte altre band garage, ma i Dirtbombs hanno un gusto molto particolare e sono molto originali. Tutto si traduce nell’impossibilità di stare fermi durante l’ascolto dei Dirtbombs, magari suonassero così gli ultimi Hives… Ad esempio “Ever lovin’ man” racchiude in sè due o tre generi diversi, e la semplicità e il divertimento non vengono mai meno. Stacchi continui, ritmica avvolgente e grandi ritornelli, potenzialmente potrebbero vendere molti dischi, ma non sono dei gran venditori di loro stessi. Non mancano episodi più lenti come “Sherlock Holmes”, splendida cover degli Sparks. “Wreck my flow” è il calssico pezzaccio killer, che vorreste vedere ballato da un bel sedere femminile davanti a voi. L’uso delle tastiere è molto originale ed importante all’interno dell’economia del gruppo. Si arriva al soul rock di “Pretty princess day”, virato verso un suono nero, ma tenendo sempre ben presente il rock, ma poi non l’hanno fatto nascere i neri il rock and roll? (non lo affermo solo io, ma anche John Lennon…) Addirittura in “They have us surronded” sembrano i Blur in versione simpatica e gioiosa. Un buon disco di un gruppo che non s’inventa nulla, ma almeno è molto divertente e soprattutto dal vivo offrono un gran spettacolo.

www.thedirtbombs.net

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.