The Cyon Project – Tales Of Pain

The Cyon Project – Tales Of Pain

"Tales Of Pain" ci consegna una band di indubbio valore che, senza timori, rilegge i suoni rock più in voga in questi anni con buone idee ed indubbio talento.

Esordio tramite Pavement per The Cyon Project, band di Torino autrice di un debutto sulla lunga distanza molto originale nel suo accomunare suoni heavy stoner e ritmiche che, a tratti, sfiorano il nu metal, inserendo parti da colonna sonora (Quentin Tarantino) e melodie che si rifanno indubbiamente al prog.

Tales Of Pain vive di questi contrasti, con il vocione di Marco Priotti a deflagrare con una prova tutta grinta, vicina ai toni hetfieldiani o, se preferite, a buona parte dei vocalist post grunge, unico elemento che può ricordare un minimo il genere.
Per il resto, il lavoro è un’autentica sorpresa già dalla prima canzone (Joe), sorta di spiazzante intro tra Morricone, Tarantino e southern rock, e chi si aspettava una partenza tutta grinta e groove deve attendere poco più di tre minuti prima che Cheesy Song esploda, bissata dal singolo Mr.Creosote.
Ritmiche grasse e cariche di groove lasciano spazio o amoreggiano con ottime melodie sinfoniche, marchio di fabbrica della band, ed il tutto è perfettamente in armonia tanto che i due brani a metà del disco (Phantom Limb e Isaac Foretold It), i più orchestrali del lotto, risultano i migliori di questo album.
In Raise Your Head, affiorano, insieme all’elemento sinfonico, spunti progressivi che creano un’ottima variante al già molto originale songwriting del disco, fornendo un tocco di eleganza ai brani e convincendo l’ascoltatore d’essere di fronte ad un combo fuori dagli schemi.
John Rider, parte con un giro di basso slappato alla Primus, per poi viaggiare su strade tra nu metal ed energico stoner, e Tales Of Pain si chiude così con il brano più ordinario del lotto, anche se dal tiro micidiale.
Altro disco da ascoltare e riascoltare, quest’album ci consegna una band di indubbio valore che, senza timori, rilegge i suoni rock più in voga in questi anni con buone idee ed indubbio talento.

Tracklist:
1. Joe
2. Cheesy Song
3. Mr. Creosote
4. Riot
5. Rulemaker
6. Phantom Limb
7. Isaac Foretold It
8. Average People
9. Raise Your Head
10. Sandglass
11. John Ryder
12. Englewood’s Hotel

Line-up:
Mad Mike – Bass
Nicola Palma – Drums
Fabio Cyon – Guitars
Marco Priotti – Vocals

THE CYON PROJECT – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.