iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Temple Of Abandonment – From Outer Spheres… Death

Nulla si sa della band, che potrebbe anche essere il progetto di un singolo musicista, se non la sua provenienza, ma la musica contenuta in questo demo ci comunica che chi ne è autore riesce a trasmettere con efficacia una sua personale ed atroce visione dell’esistenza e, per ora, tanto basta.

Temple Of Abandonment – From Outer Spheres… Death

Il funeral doom proveniente dal Canada di norma lascia ben poco spazio a tentazioni melodiche o atmosferiche, e le opere di Krief de Soli e Longing for Dawn ne sono un’eloquente dimostrazione.

A questa linea non si sottraggono i Temple of Abandonment, da Vancouver, i quali si manifestano con questo demo intitolato From Outer Spheres… Death, contenente un singolo brano omonimo che si snoda per un’impietosa mezz’ora abbondante, attingendo abbastanza da una band come gli Worship, per il ricorso ad un sound basato su un riffing essenziale e pachidemico ma di grande efficacia e del tutto scevro, come detto, di tentazioni atmosferiche; l’unica concessione melodica viene offerta da una chitarra solista, magari un po’ scolastica nell’esecuzione, ma ugualmente capace di fornire all’insieme quell’aura dolente che si va ad incrociare con la negatività offerta da vocals e riff.
Nulla si sa della band, che potrebbe anche essere il progetto di un singolo musicista, se non la sua provenienza, ma la musica contenuta in questo demo ci comunica che chi ne è autore riesce a trasmettere con efficacia una sua personale ed atroce visione dell’esistenza e, per ora, tanto basta.

Tracklist:
1. From Outer Spheres… Death

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.