iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Svadilfare – Krig I Kunst

"Krig I Kunst" è opera piacevole e ben eseguita da un musicista competente e sicuramente addentro al genere in modo sincero, ma mancano quei sussulti capaci di farlo emergere tra la massa. 

Svadilfare – Krig I Kunst

Terzo album per la one man band norvegese Svadilfare, con questo Krig I Kunst.

Il progetto di Idsint, musicista di Bergen, è di genesi relativamente recente e, come è facile intuire, è dedito ad un black metal dai tratti piuttosto atmosferici pur restando nei canoni stilistici tradizionali.

Brani avvolgenti, per lo più impostati su tempi medi e con la consueta produzione ruvida, si snodano in maniera piuttosto soddisfacente anche se, in tutta onestà, ormai abbiamo perso il conto dei dischi di questo tenore che continuano ad essere pubblicati.
In fondo, la forza e la debolezza dell’operato dei Svadilfare sta tutta qui: Krig I Kunst è opera piacevole e ben eseguita da un musicista competente e sicuramente addentro al genere in modo sincero, ma mancano quei sussulti capaci di farlo emergere tra la massa.
Non aiuta peraltro una lunghezza eccessiva (70 minuti circa) per gli standard del genere, tanto più che il meglio arriva proprio alla fine con Soga e le sue malinconiche e melodiche linee chitarristiche, e con Despair, Depression and Contempt, caratterizzata da un’aura depressive che si stempera in una chiusura ambient.
Un album che sarà sicuramente apprezzato dagli estimatori del black più puro ma la sua ortodossia stilistica, come detto, alla lunga rischia di rivelarsi una zavorra eccessiva.

Tracklist:
1. Fordoemt av den svake normal
2. Naar det indre svartner
3. Evig motstand i eit dyrerike
4. Alt vinden stryker
5. Foedt i feil tid
6. Total hjernevask
7. All Religion Must Die
8. Den er slaktet, men ei foraktet
9. Liket i Svartediket
10. Soga
11. Despair, Depression and Contempt

Line-up:
Ildsint Svartmunin – All instruments, Vocals

SVADILFARE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.