iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Sumac – The healer

Sumac: una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.

Sumac – The healer

“The healer” su Thrill Jockey Records è il quinto disco sulla lunga distanza per i Sumac, gruppo di punta del rumorismo e della totale libertà musicale. Il gruppo formato da Nick Yacyshyn, Brian Cook e Aaron Turner torna a disegnare ardite parabole nei consumati cieli della musica moderna.

I Sumac sono composti da membri ed ex membri di grandi gruppi come i Botch, gli Isis e Russian Circles e già questo potrebbe essere molto indicativo di cosa faccia questo gruppo ma ascoltando la loro musica si va oltre, in una dimensione parallela dove gli Isis incontrano il free jazz, e il noise si dilata assieme al post metal. “The healer”, registrato e mixato da Scott Evans, è un continuo accumulo e rilascio, energia che si contrae e si espande, esplosioni per nuove nascite e cascate di super nova per morti eoniche. I Suamc non fanno musica ma qualcosa che deriva da essa, ritmo primordiale e contemporaneamente avanti di decenni, magma che si solleva e ci porta con lui, per un ‘esperienza sonora totalmente diversa, altra e altera.

Quattro tracce per settantasei minuti di potenza, vortici sonori, distorsioni, degenerazione e rigenerazione subitanea o dilatata, un continuum senza fine di suoni, schianti, ruggiti e sussurri. Noise, drone, post metal, sludge, free jazz e altro, concorrono a costruire questo percorso sonoro unico e meraviglioso dove si muore per poi rinascere migliori, continuando a disperdersi per ricomporsi sotto altre forme.

I Sumac sono un’associazione a delinquere in campo musicale, una luce che ti attrae e poi ti butta nelle tenebre per farti capire la sua importanza.

Ogni pezzo di questo disco è studiato, curato, levigato e potenziato, ogni secondo ha senso, ogni giro, ogni rivoluzione, ogni salto nel vuoto è finalizzato a qualcosa, possiede un senso.

“The healer” è un capolavoro in ogni suo passaggio, attraverso la purezza della distorsione e della totale distruzione della forma canzone si arriva ad un satori rumoristico che non ha ritorno, e che verrà apprezzato non da tutti ma da chi ama il bubbone del rumore che ti scoppia in faccia.

I precedenti lavori erano già tutti in area di eccellenza, ma questo disco è qualcosa che ti rimane nelle viscere, alfiere del caos musicale che rimette in ordine molti sentimenti del nostro animo.

Una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.

 

Sumac – The healer

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

STREBLA – ANNEGARE

E’ un vero e proprio calcio nei denti questo “Annegare“, secondo album degli Strebla, quartetto di stanza a Bari (Nicola Ditolve alla chitarra e voce; Alessandro Francabandiera al synth e noise box, Ottavia Farchi al basso – ma recentemente sostituita – e Manuel Alboreto alla

LIZ LAMERE – ONE NEVER KNOWS

Avvocatessa, boxeur, manager, producer, amante dell’arte ma anche, e soprattutto, musicista, collaboratrice artistica e compagna (e poi vedova) di Alan Vega: tutto questo è Elizabeth “Liz” Lamere, per quasi un trentennio partner in crime del compianto visual artist e frontman newyorchese – mente del pioneristico