Subliminal Fear – Escape From Leviathan

Subliminal Fear – Escape From Leviathan

I Subliminal Fear tornano con il primo disco del loro nuovo corso.

Nati nell’ormai lontano 2002, fondati da Carmine Cristallo e Alessio Morella, arrivano al debutto discografico nel 2007 con Undercolor World Dying pubblicato dalla greca Burning Star Records. Al debutto seguirà One More Breath del 2012 per l’italiana Sg Records. Il suono di questi due dischi è sul melodic death metal, seguendo i modelli svedesi In Flames e At The Gates.
La svolta è nel 2013, quando si decide di ricostruire la formazione originaria, per dare un’impronta maggiormente cyber metal al loro melodic death metal, guardando a gruppi come Mnemic, Sybreed e i maestri Fear Factory, anche se i Subliminal Fear sono molto più melodici rispetto a loro.
Escape From Leviathan si snoda attraverso chitarre frammentate e potenti, pezzi molto tecnici ed una grande ricerca della melodia, supportata ottimamente dalla doppia voce, ovvero uno screamer ed una più melodica, che si intrinsecano alla perfezione. I Subliminal Fear raccontano di un futuro per ora distopico, ma al quale ci stiamo avvicinando a passi da gigante, dove le macchine avranno la meglio sulle emozioni umane, dal momento nel quale il transumanesimo detterà legge, seppellendo le caratteristiche e le aspirazioni dell’animo umano sotto una spessa coltre di tecnologia, fatta sopratutto per controllarci. Questa ottima musica umana ci racconta che la degenerazione è vicina, e forse il punto di non ritorno così caro a tanta fantascienza è già vicino, o forse l’abbiamo già superato. Oltre al metal i Subliminal Fear sono bravissimi a fare pop, con molta naturalezza e sapienza. Il gruppo ha due anime, quella techno metal e quella melodica, e la cesura è ben organizzata dalle tastiere e dai suoni di Botys Beezart. Nutrita anche la presenza di ospiti eccellenti come Guillaume Bideau dei Mnemic, Jon Howard dei Threat Signal, e dai Darkane Lawrence Mackory.
Un disco piacevolmente inquietante che attraverso un metallica dolcezza ci dà dei moniti molto importanti.

TRACKLIST
01. Phantoms Or Drones (feat. G. Bideau)
02. All Meanings They’ve Torn (feat. L. Mackrory)
03. Nexus
04. Escape From Leviathan
05. Evilution (feat. J. Howard)
06. Living In Another World (Talk Talk Cover)
07. Dark Star Renaissance
08. Self-proclaimed Gods
09. Limitless
10. The Disease Is Human Emotion

LINE-UP
Alessio Morella – bass
Carmine Cristallo – vocals
Domenico Murgolo – guitar
Matteo De Bellis – vocals
Ruggiero Lanotte – drums

SUBLIMINAL FEAR – F<acebook

https://www.youtube.com/watch?v=6dJNHLvWe64

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Rossomalpaolo

La prima volta che ho interagito con Paolo aka Rossomalpaolo è stato in un periodo in cui ero curiosa di sperimentare i limiti del mio corpo.

E’ morto Tom Verlaine

Un’altra orrenda notizia arriva a funestare questi primi sprazzi di 2023 in termini di perdite musicali. In queste ultime ore ci ha lasciati infatti, dopo una breve malattia, anche il cantante, chitarrista e songwriter statunitense Tom Verlaine.

Grandiosa Muerte – Egregor

Dietro al nome Grandiosa Muerte c’è un uomo solo saldamente al comando, il suo nome è Max Gutiérrez Sánchez, già fondatore di altri tre gruppi : Ravensouls, December’s Cold Winter, e Advent Of Bedlam. Max ha conosciuto l’abbraccio mortale del metal quando abitava in Spagna ed è lì che ha contribuito a fondare i suoi primi gruppi.

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.