iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Stellar Master Elite – Iii: Eternalism – The Psychospherical Chapter

Eternalism è un album che ci consegna una realtà musicale decisamente evoluta, muovendosi da una base black metal per estendere, poi, il proprio campo d'azione ad atmosfere cupe, in uno spettro sonoro che va dal doom fino al gothic, senza tralasciare pulsioni avanguardistiche.

Stellar Master Elite – Iii: Eternalism – The Psychospherical Chapter

Terzo disco per i tedeschi Stellar Master Elite, band della quale onestamente non avevo mai sentito parlare prima d’oggi.

Male, perché Eternalism è un album che ci consegna una realtà musicale decisamente evoluta, muovendosi da una base black metal per estendere, poi, il proprio campo d’azione ad atmosfere cupe, in uno spettro sonoro che va dal doom fino al gothic, senza tralasciare pulsioni avanguardistiche.
Quello che molte altre band ridurrebbero ad un minestrone indigeribile, viene offerto dai Stellar Master Elite con le sembianze avvincenti di un lavoro in cui ogni brano ed ogni passaggio sono curati e perfettamente funzionali alla resa complessiva.
L’ascolto dei primi brani scopre ben presto le carte: Transmission: Disruption e un magnifico ed evocativo episodio dall’andamento più vicino al doom che non al black, che si riprende la scena, sia pure screziato da venature elettroniche, come in Desperate Grandeur, o da sfumature avanguardistiche come in Buried in Oblivion.
Perdition Time Loop, poi, ci fa piombare in un oscurità opprimente quanto improvvisa evocata da sonorità che riportano richiamano a tratti i Fields Of The Nephilim, vocals profonde incluse; con Hologram Temple si ripiomba nelle pastoie del doom, mentre The First Principle è una traccia caratterizzata da un ficcante black’n’roll.
La breve Mark of the Beast introduce il brano più lungo del lavoro, la sfaccettata Eternalism che nel suo quasi quarto d’ora di durata riassume gran parte delle peculiarità degli Stellar Master Elite.
Chiude l’album la breve Downfall, un ideale congedo da un lavoro riuscito e sicuramente sorprendente, almeno per chi colpevolmente non conosceva ancora questa ottima band tedesca, capace di rimodellare in maniera efficace, senza snaturarne l’essenza, le coordinate di un genere che proprio in terra teutonica sta trovando alcune delle proprie espressioni più efficaci.

Tracklist:
1. Transmission: Disruption
2. Desperate Grandeur
3. Buried in Oblivion
4. Perdition Time Loop
5. Hologram Temple
6. The First Principle
7. Mark of the Beast
8. Eternalism
9. Downfall

Line-up:
M.S. – Drums, Vocals
D.F. – Guitars, Bass, Programming
T.N. – Bass
E.K.- Vocals

STELLAR MASTER ELITE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.