iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Spektr – Cypher

Gli Spektr si muovono costantemente sul sottile confine che separa la creatività e l’estro compositivo dalla sperimentazione fine a se stessa.

Spektr – Cypher

Gli Spektr sono l’ennesima stramba creatura partorita dalla feconda scena estrema transalpina: così come i connazionali e compagni di etichetta Decline Of The I, il duo parigino si cimenta in un black metal che definire fuori dagli schemi appare eufemistico.

Dopo un’intro rigorosamente rumoristica, Teratology mette in mostra quello che sarà il canovaccio dell’album: atmosfere malsane all’insegna di un black catramoso ma dai tratti affascinanti, con chitarre ronzanti come nella migliore tradizione, alternato a momenti di pura sperimentazione degna di un jazzista in procinto di deragliare mentalmente. The Singularity si presenta, per quanto possibile, più canonica, limitando le anomalie ai samples posti in apertura e al delirio ambient collocato nel finale.
Antimatter appare come una rivisitazione estremizzata dei Blut Aus Nord pre-777 mentre la lunghissima title-track si rivela un ulteriore compendio del modus operandi di kl.K. e Hth; la capacità di creare sonorità disturbanti ma ugualmente ammalianti si scontra, però, con diversi passaggi nei quali, la ricerca ossessiva dell’elemento innovativo, porta gli Spektr a muoversi costantemente sul sottile confine che separa la creatività e l’estro compositivo dalla sperimentazione fine a se stessa.
In effetti, la stessa suddivisione per brani finisce per essere in qualche poco significativa, dato che tutti gli episodi sono collegati tra di loro rendendo Cypher, in realtà, un corpo unico: un aspetto, questo, che rende ancor più intricata la fruizione dell’album.
Personalmente reputo questo lavoro apprezzabile per il coraggio mostrato dagli Spektr nel volersi spingere verso direzioni sicuramente già battute ma raggiungibili solo attraverso un percorso decisamente tortuoso; ciò che non condivido appieno, pur mantenendo un giudizio ampiamente positivo, è forse un certo squilibrio tra le parti “suonate” e quelle di stampo ambient-rumorista, che occupano un porzione fin troppo consistente dei tre quarti d’ora di durata complessiva.
Disco comunque consigliato a chi apprezza il black avanguardistico.

Tracklist :
1. Hermetism
2. Teratology
3. The Singularity
4. Solitude
5. Antimatter
6. Solve et coagula
7. Cypher
8. Decorporation

9. Le Vitriol du Philosophe

Line-up
kl.K. – Vocals, Drums, Samples, Programming
Hth – Vocals, Guitars, Bass, Samples, Programming

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.