iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : South Sardinian Scum – Switch the Driver

I South Sardinian Scum non si inventano un cazzo, e neanche vogliono farlo, si limitano a suonare ciò che gli piace e lo fanno con la voluttà di chi sta compiendo una missione per conto di un dio minore e perdente, se non vi basta fatevi un bell' aperitivo in un bar fighetto con della tech house di sottofondo sperando che il cocktail di merda che vi sarà servito vi vada per traverso.

South Sardinian Scum - Switch the Driver

South Sardinian Scum – Switch the Driver

C’era una volta, tanto tempo fa, un gruppo che aveva come acronimo SSS. Ebbe un gran battage pubblicitario, i nomi coinvolti erano indubbiamente di peso, ma era fuffa laccata e iperprodotta e neppure il tempo è riuscita a rivalutarlo.

A distanza di anni vi è un’ altra band con lo stesso acronimo, una band vera che fa musica con entusiasmo e attitudine, che se ne frega del successo poiché il vero successo per chi suona con passione è il sorriso e la gioia che riesce a stampare sul viso di chi la ascolta. Il loro nome per esteso è South Sardinian Scum e propongono un rock’n’roll eseguito con quel piglio settantasettino che una vera e propria rivoluzione quale è stata il punk gli ha tramandato; sono veri e sanguigni e, visti dal vivo, dimostrano una capacità di coinvolgimento che non riuscirò neanche lontanamente a fare intuire scrivendo  queste poche righe.

Questo ep composto da quattro pezzi si apre con due brani come Copycat e Switch the Driver che renderebbero fieri i padri fondatori di quel suono che ci ha stregato e ci stregherà fino alla fine dei nostri giorni; ma il vero apice lo tocca quando i ritmi si abbassano ciò che accade in Some caratterizzata da una voce suadente e strascicata che crea un mood sensuale che ottunde i sensi.

A chiudere il tutto i nostri piazzano una cover tra il saltellante spastico e l’ oscurità horrorifica di Ubangi Stomp e, sia chiaro, lo dico come un complimento. A proposito per anni ho pensato che questa canzone fosse degli Stray Cats, hey mica c’erano google e youtube, e da bravo “critico” di solenne e immane ignoranza a distanza di anni lo rivendico pure. I South Sardinian Scum non si inventano un cazzo, e neanche vogliono farlo, si limitano a suonare ciò che gli piace e lo fanno con la voluttà di chi sta compiendo una missione per conto di un dio minore e perdente, se non vi basta fatevi un bell’ aperitivo in un bar fighetto con della tech house di sottofondo sperando che il cocktail di merda che vi sarà servito vi vada per traverso.

P.S.: Avete indovinato il nome della band che ho usato per l’ incipit? Se ci siete riusciti avete vinto un pupazzetto di Kent Brockman, scrivete a Inyoureyes per farvelo recapitare.

South Sardinian Scum

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Dracula Drivers - Reborn

Dracula Drivers – Reborn

Dracula Drivers, che esista un saldo connubio tra il rock’n’roll che amiamo e le pellicole horror – soprattutto quelle d’antan – è cosa assolutamente assodata.

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting: il punk sta bene, e pure noi godiamo di discreta salute. Come avrebbero detto i latini: ad maiora.

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;