Skurkarna-A crimewave escapade!

Skurkarna-A crimewave escapade! 2 - fanzine

Fra le etichette di culto che spediscono i loro prodotti a InYoureEyes, da molto, troppo tempo non avevo notizie dei tipi della Heptown Records, marchio scandinavo che tante soddisfazioni mi aveva regalato nel recente passato.

Ed è per questo motivo che, quando dallo zaino magico del boss, è spuntato questo album dei Skurkarna, la mia gioia e la mia curiosità sono subito schizzate alle stelle.
Quindi, dopo essermi gustato una meritata birretta post-lavorativa (beh diciamo anche due…) mi sono precipitato a casa con una voglia d’ascolto degna di un adolescente, e l’ho fatto senza leggere le note d’accompagnamento allegate al disco; ho piazzato l’album sul giradischi e dalle casse è uscito un ammaliante surf strumentale che ha reso la mia cena e, conseguenzialmente, il mio dopo-cena molto migliori di quanto non osassi sperare.
Posso capire che, a chi sta leggendo queste righe, della mia cena e del mio dopo cena possa interessare assai relativamente e quindi, dopo aver tentato di far trasparire le mie emozioni, tenterò, nei limiti delle mie ridotte conoscenze,di far capire cosa troverete in questo splendido “A crimewave escapade!”.
Troverete quattro criminali svedesi con i visi celati da maschere che suonano musica senza tempo, si veda per esempio
“The reckless villain” dove echeggiano i migliori Man or Astro-Man? (a parere di chi scrive quelli pre svolta Devo) o il psych-surf lento e drogato di “High-risk hideout” e questo solo per parlare del lato A.
Si gira facciata e apre le danze la lentezza circolare di “Cat burglar” (cosa voglia dire lentezza circolare lo capirete soltanto ascoltandola,magari aiutandovi con la giusta “spinta”), seguono i due pezzi più belli dell’album ovvero i due sixties-surf spediti che prendono il titolo di “Getaway car” e di “Blow the safe”.
Se però le elucubrazioni del santo vi hanno (comprensibilmente) annoiato credo che la descrizione che il gruppo fa della propria musica sia assai più persuasiva e chiarificante,eccola: “Immaginate Link Wray che rapina una banca sotto l’effetto di mescalina”.
Dopo questa dichiarazione d’intenti direi proprio che le chiacchiere stanno decisamente a zero!

Info e contatti :
waww.skurkarna.com
records@heptown.com
waww.heptownrecords.com

Skurkarna-A crimewave escapade! 3 - fanzine

Avatar

Autore: Il Santo

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.