iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Shattered – New Atlantis

Un ascolto obbligato per tutti i fan del metal tecnico nelle sue forme più estreme.

Shattered – New Atlantis

Ecco un’altra band che faccio fatica a comprendere come non abbia ancora ottenuto il supporto di un’etichetta, rilasciando un album straordinario di death metal tecnico, furioso e spettacolare, colmo di digressioni progressive, suonato alla velocità della luce, cantato al meglio (growl e scream si danno battaglia) e prodotto professionalmente, che è alla fine una delle migliori uscite sentite nel genere ultimamente.

Loro sono gli Shattered e provengono da Würzburg: nati nel 2013, i cinque deathsters a cui madre natura ha regalato un talento disumano per la musica, insieme formano una macchina da guerra portentosa, ed hanno creato questo spettacolare esempio di metal estremo, con una raccolta di brani di livello superiore che non inciampa nel mero uso della tecnica strumentale ma , sapientemente, costruisce su di essa la sua fortuna, accompagnandola con brani in grado di far saltare il banco ad ogni passaggio.
Velocità, potenza, melodia, brutalità, unite da un ottimo senso per la forma canzone, fanno di New Atlantis un disco che nobilita il death metal con soluzioni progressive da antologia (sentire Trapped In Everlasting per credere), una musica che sembra arrivare da un altro pianeta, furibonda nella sua violenza e melodica anche quando la velocità si spinge all’estremo.
Dalla partenza a razzo dell’opener Bipolar Disorder si attraversano i quarantacinque minuti di durata tra fulminanti solos melodici, atmosfere spazio temporali, ritmiche che passano da roboanti blastbeat e tecnicissime parti dai rimandi jazzati.
Non una nota sfugge dalle mani dei cinque musicisti tedeschi, e il suono risulta perfetto così che l’ascoltatore può godere di ogni sfumatura e passaggio di questo monumentale lavoro, che ha nelle stupefacenti Ignite The Dawnshard, Ancient, The Grid, Nereids e la conclusiva ed epica Amnesia i suoi più brillanti gioielli.
Influenze? Beh non è la prima e non sarà neanche l’ultima band del genere: per i fan del death metal tecnico un ascolto obbligato, anche se personalmente New Atlantis lo farei ascoltare anche ai troppi amanti del prog che esprimono scetticismo al solo parlare di tecnica in ambito estremo …
Magnifico.

Tracklist:
1. Bipolar Disorder
2. Ignite the Dawnshard
3. Into the Shattering
4. Despise the Living
5. Ancient
6. The Fall of Hyperion
7. Trapped in Everlasting Dreams
8. The Grid
9. The Orbits Around
10. Into Archadia
11. As Atlas Reached the Stars
12. Nereids
13. From Distant Shores
14. Amnesia

Line-up:
Michael Bachmann – Vocals
Florian Wehner – Guitar
Johannes “Laudi” Laudenbach – Guitar / Backing Vocals
Julian Welsch – Bass Guitar
Jonas Pfeiffer – Drums

SHATTERED – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta