Settore Giada – Notturno

Un progetto ambient, elettronico, shoegaze lungimirante, trascinante, semplice e di poche parole, ma efficace.

Settore Giada – Notturno

Settore Giada è il progetto musicale di Ali Salvioni, un progetto quasi totalmente shoegaze / post rock che si muove con una certa grazia tra synth, arpeggi, melodie elettroniche, creando quasi un’orchestra immaginaria che riesce a dare una forma ben precisa a tutto.

Le parole sussurrate, le esplosioni di note elettroniche miste agli arpeggi di chitarra, danno uno spessore artistico al tutto, facendo sentire a casa chiunque possa ascoltare le parole e le liriche del progetto. Olmi è una delle tracce più significative dell’album in cui, probabilmente, il progetto può identificarsi al meglio. Notturno è un viaggio che consigliamo a chiunque abbia voglia di ascoltare qualcosa di nuovo e di bello.

TRACKLIST
1) Preludio
2) Nero
3) Fermati con me
4) Olmi
5) A strange kind of love
6) Mangaman
7) Kiss me
8) Seven
9) Bought myself a gun
10) Notturno
11) Vollmond

LINE-UP
Ali Salvioni: Voce, Basso, Hang, Pedale organotronico, Tastiere, Effetti, Loops
Christian Fürholz/Stefano Benini: Videoproiezioni

SETTORE GIADA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.