iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Settore Giada – Notturno

Un progetto ambient, elettronico, shoegaze lungimirante, trascinante, semplice e di poche parole, ma efficace.

Settore Giada – Notturno

Settore Giada è il progetto musicale di Ali Salvioni, un progetto quasi totalmente shoegaze / post rock che si muove con una certa grazia tra synth, arpeggi, melodie elettroniche, creando quasi un’orchestra immaginaria che riesce a dare una forma ben precisa a tutto.

Le parole sussurrate, le esplosioni di note elettroniche miste agli arpeggi di chitarra, danno uno spessore artistico al tutto, facendo sentire a casa chiunque possa ascoltare le parole e le liriche del progetto. Olmi è una delle tracce più significative dell’album in cui, probabilmente, il progetto può identificarsi al meglio. Notturno è un viaggio che consigliamo a chiunque abbia voglia di ascoltare qualcosa di nuovo e di bello.

TRACKLIST
1) Preludio
2) Nero
3) Fermati con me
4) Olmi
5) A strange kind of love
6) Mangaman
7) Kiss me
8) Seven
9) Bought myself a gun
10) Notturno
11) Vollmond

LINE-UP
Ali Salvioni: Voce, Basso, Hang, Pedale organotronico, Tastiere, Effetti, Loops
Christian Fürholz/Stefano Benini: Videoproiezioni

SETTORE GIADA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Francesco Pelosi

Francesco Pelosi: Abbiamo intervistato Francesco Pelosi in occasione dell’uscita del suo ultimo disco: “Il rito della città”. Buon…

Orson – Here

Cantautore dalla nobile penna, Cataldo Bevilacqua in arte Orson illustra un mondo acustico e pieno zeppo di sensazioni, storie e sentimenti.

Peter Piek – Plus

I brani di “+” sono dei quadri cantati, un lavoro artistico privo di esitazioni. Sound equilibrato e ogni accordo al posto giusto, la voce di Piek conduce dolcemente per mano l’ascoltatore esattamente dove vuole lui, facendolo addentrare nel suo mondo fatto di immagini e note. Piek non lesina sui colori né sui suoni, proponendo già dalla copertina, da lui stesso realizzata, uno schema fatto di tinte vivaci e sfumature che è la chiave di lettura essenziale dell’album. “+” è un energico disco pop rock attraversato da un vasto range di influenze musicali. Ritmi veloci e lenti. Tante canzoni d’amore. Con molte chitarre, molta batteria e intermezzi elettronici come nuovo elemento della musica di Peter Piek.