iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Francesco Pelosi

Francesco Pelosi: Abbiamo intervistato Francesco Pelosi in occasione dell’uscita del suo ultimo disco: “Il rito della città”. Buon...

Francesco Pelosi

Abbiamo intervistato Francesco Pelosi in occasione dell’uscita del suo ultimo disco: “Il rito della città”. Buona lettura!

Ciao! Grazie per aver accettato il nostro invito! Cominciamo da subito, qual è il tuo primo ricordo riguardante la musica?

Grazie a voi! Mi tocca dirti “Autogrill” di Guccini ascoltata con mio padre in macchina da molto piccolo. Ma forse ancora prima mia madre che cantava per me lavando i piatti… e la perenne ninnananna “Buonanotte fiorellino” di De Gregori. Nel bene o nel male mi han segnato!

Quali artisti hanno influenzato maggiormente la tua visione musicale?

 

Inizialmente senza dubbio De Andrè, Guccini e i bluesman del Delta: Robert Johnson, Charlie Patton, Skip James ecc. Poi è arrivato tutto il mondo delle canzoni popolari italiane e sudamericane. E non posso non citare Battiato, Jannacci, i Velvet Underground e Brian Eno. Questo per dire chi mi ha influenzato alla “base” diciamo. Per il resto ascolto molte cose differenti.

Parlaci del tuo ultimo album, hai aneddoti o curiosità da raccontarci?

 

In realtà no. Posso dirti che la foto di copertina viene dall’osteria dove ho passato gran parte del mio tempo intorno ai vent’anni e che la foto che invece appare sul cd (che purtroppo non è visibile nella versione online del disco), risale proprio a quel periodo. “Il rito della città” è questa atmosfera, questo luogo fisico che è divenuto col tempo luogo eletto dell’anima.

Quando hai deciso di pubblicare il disco, cosa ti aspettavi sarebbe successo e cosa è successo veramente?
Mi aspettavo di cominciare a fare questo lavoro dal punto dove sono, ovvero dal basso. Per ora chi ha ascoltato ha apprezzato e le recensioni che sono arrivate sono state buone. Un piccolo ma buon inizio.

Come vedi il panorama italiano odierno? Nominami cinque artisti che stimi e con cui vorresti collaborare.

 

Oddio, mi trovi impreparato. Non saprei davvero… Mi piace molto Caparezza. E di ancor più contemporaneo La rappresentante di lista.

 

Dove ti vedi fra dieci anni?

Bè, da qualche parte a suonare senza dubbio.

Spazio ringraziamenti. Chi vorresti ringraziare? Hai carta bianca!

Troppa gente direi (e molta l’ho inclusa nei ringraziamenti del disco). Mi limito per ora a ringraziare voi per questa intervista. Grazie!

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

THE UNCLAIMED – CREATURE OF THE MAUI LOON

Non è certo un’impresa facile quella di trattare del nuovo album di una band sapendo che in realtà (e con buona probabilità) potrebbe anche esserne l’ultimo perché, poco tempo prima della sua uscita, essa ha perso il suo frontman, membro fondatore e fulcro principale. C’è

Def Leppard Pyromania

Def Leppard Pyromania: ascoltandolo si capisce in maniera molto netta ed importante la grandezza di questo gruppo

Cover: Demoted shit for brains

“bel disco classic ‘murrica hc, bello perchè grezzo, non saprei che altro dire dopotutto sono un “lazy guy” (uno dei pezzi prefe del disco) e sono già in ritardo con la consegna” Recensione : DEMOTED – Shit for Brains