iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Seeming Emptiness – Heavy Rain

una buona pietanza alla quale manca un ingrediente fondamentale (la voce) per rivelarsi ottima

Seeming Emptiness – Heavy Rain

Seeming Emptiness è un progetto solista, proveniente dalla Germania, all’insegna di un post metal dalle ampie sfumature doom e progressive.

La natura strumentale dell’album fa sì che la sua collocazione vada nella stessa direzione di tutte quelle opere strutturate in maniera simile ed ascoltate negli ultimi tempi, sicuramente di buona fattura ma incapaci di imporsi come potrebbero alla luce della qualità di fondo esibita.
Di fatto, il sound esibito in Heavy Rain riporta spesso e volentieri a sonorità riconducibili ai Katatonia di fine secolo e, quindi, per farsi un’idea del suo contenuto non è peregrino pensare a cosa resterebbe della band svedese se spogliata del tutto della voce di Renkse.
Ovviamente questo accostamento ha fini principalmente esplicativi perché, in ogni caso, il sound dei Seeming Emptiness spazia in maniera sufficientemente varia, prediligendo ritmi mediamente sostenuti e mostrando più di un passaggio degno di nota, con la chitarra a tessere melodie di ottima fattura.
In sede di presentazione la musica qui contenuta viene dichiarata quale espressione di un senso di straniamento di fronte all’irreversibile deriva del genere umano e dell’ambiente che lo circonda: tematiche senz’altro condivisibili ma che restano comunque sfumate in assenza della componente lirica.
Su Heavy Rain non posso quindi che ripetere quanto detto più volte riguardo a proposte di questo tipo: trattasi di una buona pietanza alla quale manca un ingrediente fondamentale per rivelarsi ottima. Al netto di questo aspetto, resta comunque la bontà del lavoro targato Seeming Emptiness, per cui chi ama queste sonorità potrebbe trarne più di una soddisfazione.

Tracklist:
1. Dispatched Fortune
2. Retrogression
3. Riven
4. Heavy Rain
5. Red Glowing Night
6. Heirless
7. Obscure Pulse
8. Enliven the Dust

Line-up:

SEEMING EMPTINESS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.