Rov – Kvarlevor

Rov – Kvarlevor

Incessante ed incalzante hardcore svedese, cantato in svedese e declinato alla svedese, con quella distorsione che solo loro riescono a rendere così bene.

Incessante ed incalzante hardcore svedese, cantato in svedese e declinato alla svedese, con quella distorsione che solo loro riescono a rendere così bene.

I Rov sono un duo, formato da Jon Ekstroem, che era il tuttofare dei Dödsvarg, band di hardcore crust, e Primathor cantante dei black metallers Svederna. Il risultato è un hardcore molto valido e vario, senza le arteriosclerosi tipiche del genere, con cambi di tempo ma sopratutto di registro. Disco ben composto e prodotto, fatto da due musicisti che di musica ne masticano e se ne intendono molto. Tutte le canzoni sono in svedese ed è una scelta apprezzabile, sia per la grande tradizione dell’hardcore in svedese che continua imperterrita dagli anni ottanta fino ai giorni nostri e anche perché mi sembra giusto esprimersi nella propria lingua. Ma anche se non ve ne importa nulla dei testi, la musica basta e avanza e questo è un grande disco di hardcore.

TRACKLIST
1.Relik
2.Reostat
3.Lönndomsagan
4.Järtecken
5.Krigsredskap
6.Ärrvävnad
7.Legend Blod
8.Hals över huvud
9.Stanken
10.Grottekvarn

LINE-UP
Jon – Guitar, Backing Vocals.
Primathor – Drums, Backing Vocals.
Samuel – Vocals.

SUICIDE RECORDS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.

Tre camerati di Erich Maria Remarque

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Tre camerati di Erich Maria Remarque, edito da Neri Pozza.