iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Revelation’s Hammer – Revelation’s Hammer

Black metal dalla Norvegia …. Qualcuno si chiederà se non se ne è avuto avuto ancora abbastanza: domanda più che lecita alla quale si può rispondere che, al di là dell’oggettiva impossibilità di poter stupire ancora qualcuno con queste sonorità, un disco ben suonato e ben prodotto come questo non ci cambierà l’esistenza ma non ci avrà neppure fatto sprecare il nostro tempo.

Revelation’s Hammer – Revelation’s Hammer

Accuser non è uno dei nomi più noti della scena, ma ciò non gli ha impedito di mettere in piedi un progetto abbastanza riuscito come i Revelation’s Hammer, coadiuvato per l’occasione dai due ospiti Myrvoll alla batteria ed Exilis alle tastiere, regalandoci un disco di buona fattura, più orientato al versante epico-melodico del genere, con venature thrash, che non a quello cosiddetto “true”.
Se vogliamo, l’unica cosa poco condivisibile dell’operazione è la sua presentazione, con la definizione di black “apocalittico” che induce aspettative di un certo tipo, quando, in realtà siamo di fronte ad un disco che guarda alle sponde svedesi del Baltico, rifacendosi quindi a nomi quali Dark Funeral e Waitain, tanto per dare un’idea, ma chiaramente senza raggiungere quei livelli e senza apportare particolari innovazioni stilistiche; detto questo, i tre quarti d’ora abbondanti di Revelation’s Hammer presentano più di un momento degno di nota, a partire dall’ottima Buried As Filth , la stessa title-track e la conclusiva The Crown Of Malice.
Se si eccettua la trascurabile (nonché impronunciabile) Avgudsdyrkelse anche gli altri brani meritano comunque ben più di un ascolto distratto: un esordio decisamente oltre la sufficienza, ma per valutare l’effettiva consistenza dei Revelation’s Hammer è necessario attendere un ulteriore riprova.

Tracklist :
01.Obsessed Onslaught
02.Revelation´s Hammer
03.Den Blaoyde
04.Buried as Filth
05.Avgudsdyrkelse
06.The Crown of Malice

Line-up :
Accuser – Guitar, Bass, Vocals

REVELATION’S HAMMER – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.