iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Raving Season – Amnio

Eccoci alle prese con un altro lavoro che rischiava seriamente di finire in un immeritato oblio e che ottiene la possibilità di usufruire della giusta visibilità grazie all’interesse un etichetta sempre molto attenta come la My Kingdom Music.

Raving Season – Amnio

Amnio, primo full-length dei romani Raving Season, è un autentico caleidoscopio di emozioni decadenti, veicolate attraverso un impianto musicale che, sebbene faccia riferimento ai grandi nomi del gothic-doom, non appare per nulla derivativo e soprattutto è marchiato a fuoco da un’integrità artistica raramente riscontrabile.
La band capitolina, infatti, non si fa mai tentare da ammiccamenti di stampo commerciale, il sound è, infatti, sempre volto ad evocare sensazioni ora malinconiche, quando è la voce cristallina di Judith a condurre le danze, ora di rabbiosa disperazione, non appena diviene protagonista il growl ferino di Federica.
Benchè perfettibile, questa non è la consueta alternanza tra voce angelica e demoniaca da “Manuale Cencelli” del gothic, come spesso capita di ascoltare; ogni passaggio ha una sua logica e una sua funzionalità finalizzata allo sviluppo del sound e, quando sussistono tali condizioni, il risultato finale non può che esser del tutto soddisfacente.
Il valore aggiunto costituito da una produzione perfetta, curata dal bravo Federico Truzzi (Mechanical Swan) e finalizzata dalla masterizzazione di uno dei numi tutelari del doom contemporaneo quale è Greg Chandler (Esoteric), rende Amnio un’opera da godersi dall’inizio alla fine dedicando all’ascolto la necessaria dedizione, pena l’impossibilità di apprezzarne appieno le numerose sfumature.
Volendo a tutti costi trovare una qualche similitudine rispettoa qualche band conosciuta, il primo none che viene in mente sono i Draconian di “Arcane Rain Fell”, soprattutto per il senso drammatico conferito alle composizioni, ma va detto che i Raving Season propendono per atmosfere più rarefatte rispetto ai magnifici svedesi guidati da Johan Ericson.
Qualche margine di miglioramento (per fortuna, aggiungerei) c’è ancora, vestendo i panni degli incontentabili: per esempio si potrebbe ulteriormente equilibrare l’utilizzo delle due voci, magari facendo sì che Judith si spinga meno verso le estremizzazioni liriche, visto che la sua normale intonazione è già di per sé sufficientemente evocativa, ed evitare che, talvolta, l’irruzione del growl di Federica vada a spezzare in maniera troppo brutale la tensione emotiva che si era venuta a creare sino a quel frangente.
Particolari quasi marginali, alla luce di un lavoro che merita di entrare di diritto tra gli ascolti obbligati degli appassionati del genere, i quali avranno il privilegio di godersi oltre un’ora di musica appagante, con picchi riscontrabili nella doppietta centrale Restless Rain (Il Rumore Della Pioggia)My Darkest Season (Pt. 2).
Anche se i Raving Season sono attivi da diversi anni, in fondo la loro storia inizia per davvero solo ora, e se queste sono le premesse, attendiamoci ancora grandi cose in un prossimo futuro.

Tracklist:
1.Turandot
2.Dusk Dance
3.My Last Murderer
4.Silent Lake
5.Restless Rain (Il Rumore Della Pioggia)
6.My Darkest Season (Pt. 2)
7.Testament
8.Suspended in a Spiral
9.Amnio

Line-up :
Judith – Clean & Lyrical Vocals
Federica – Growl Vocals
Sergio – Guitars
Marco – Guitars
Marco – Bass
Luca – Drums

RAVING SEASON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

Shamael – Il Suono di Mille Orchestre Parte II

Galasso con quest’opera a nome Shamael conferma di aver scelto nuovamente la strada più difficile per giungere all’attenzione degli appassionati e fa bene, sia per i risultati raggiunti sia perché un ipotetico successo commerciale sarebbe irraggiungibile in questo segmento stilistico, anche offrendo sonorità più edulcorate; l’esito de Il Suono di Mille Orchestre è gratificante e per certi versi anche più peculiare, rivelandosi la maniera ideale per il musicista pugliese di veicolare il suo profondo sentire.