iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Radiance – Undying Diabolica

I Radiance, quartetto palermitano all’esordio su lunga distanza, dopo l’Ep "And The Night Comes Down" datato 2008, si lanciano nella non facile impresa di far confluire nel proprio sound diverse influenze, a partire dal prog metal, passando per il power ed il gothic: il risultato che ne scaturisce è, invero, altalenante, visto che non sempre le varie componenti si amalgamano nella maniera desiderata, provocando una certa frammentarietà all’interno anche dei singoli brani, aspetto questo che rende poco scorrevole l’ascolto del disco.

Radiance – Undying Diabolica

Se Another Way e Behind The Light portano alle estreme conseguenze la caratteristica camaleontica dei brani, la successiva Storm appare in qualche modo più lineare (sempre in relazione al trend del disco) ma, soprattutto, presenta qualche melodia maggiormente memorizzabile e, anche grazie alla sua durata più limitata, sembrerebbe indicare una strada ideale da percorrere in futuro.
Indubbiamente la prestazione dei Radiance è ineccepibile dal punto di vista esecutivo, anche se resta l’impressione di una produzione che renda un pò troppo freddo il suono: brava la vocalist Karin Baldanza, maggiormente a suo agio quando il sottofondo musicale si apre in soluzioni più ariose, e nulla da eccepire neppure sull’operato della chitarrista Federica Viola e dalla base ritmica composta da Flavio Accardo ed Elio Lao.
L’unico problema di Undying Diabolica è, forse, proprio quello di un songwriting al quale manca, oltre ad un denominatore comune, anche una manciata di brani in grado di restare impressi nella memoria anche dopo diversi ascolti.
L’esordio dei Radiance, quindi, si rivela il classico lavoro che, per quanto non esente da pecche, deve essere accolto comunque con favore proprio per la volontà dei musicisti coinvolti di mettersi in gioco rifuggendo soluzioni scontate e meno rischiose.
Attendiamo pertanto con curiosità la band siciliana alla riprova del prossimo album per verificare se la sua cifra stilistica, in ogni caso già apprezzabile, si evolverà auspicabilmente verso sonorità più essenziali e dirette oppure si farà attrarre fatalmente dalla deriva del tecnicismo fine a se stesso.

Tracklist:
1. Towards Doom
2. Another Way
3. Behind the Light
4. Storm
5. Reasonance
6. Whirl’s Criterion
7. Le Poison à la Mode
8. Undying Diabolyca
9. Pulse of Awakening

Line up
Karin Baldanza: voce
Federica Viola: chitarra
Fabio Accardo: basso
Elio Lao: batteria

RADIANCE – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.