Questa non è poesia

Questa non è poesia 1 - fanzine

Questa non è poesia

Condividi:
Share

Questa non è poesia.
E’ un dramma prestabilito dalla mia coscienza.
E’ un purgatorio di attimi imprigionati.
E’ la sequenza diabolica di ogni mia fuga.
Questa non è poesia.
E’ una forma di suicidio continuato
e di sano nulla che si masturba.
E’ la guerra preventiva alle mie voglie
e la mia voglia di fare guerra.
Qui non si parla d’amore,
perché l’amore è sconsolante
nella sua ipotetica insistenza.
Questa non è poesia.
E’ una stagione incendiaria.
E’ un secolo di torti.
Questa non è poesia.
E’ una miscela succosa di dubbi
e la morte, comunque.
E’ un antipasto di lucertole
e la voglia del lupo.
E’ sincretismo della pancia
e alcol, ovunque.
Questa non è poesia.
E’ cancro sottile
e stato intollerante.
Questa non è poesia.
E’ lacrime mai date
e sorrisi nascosti.
E’ la carne che straripa
e un attacco alla parola.
Questa non è poesia.
E’ sputo, fragore, molestia.
Sono sogni infranti e incubi rivelati.
Questa non è poesia.

SK2

Illustrazione di Enrico Mazzone

Condividi:
Share
Tags:
Alessandro Pedretta
illegaleesperienza@gmail.com

Alessandro Pedretta, schiavo delle piramidi, scrittore suicida, ideatore e curatore di libri. Nel 2012 crea il collettivo di scrittori Nucleo Negazioni col quale pubblica con diverse case editrici (sempre e solo rigorosamente NOEAP) e inventa e dirige la fanzine “Negazioni”. Abbandona il gruppo. Viene inserito in innumerevoli e insopportabili antologie sia poetiche che di prosa. Si alimenta fin da giovanissimo di filosofie controculturali, di letteratura underground, di autori della beat generation e classici della scrittura del sottosuolo, poi spazia dal cyberpunk ai grandi classici russi, inframezzando la poesia di Ungaretti, Rimbaud, Campana, ai cut-up di William Burroughs, l’immaginario di Ballard e la disintegrazione sintattica di Céline. Adora gli spazi abbandonati, gli scenari post-industriali, le commistioni tra le rovine e i ruderi con le porzioni geometriche delle architetture urbane moderne, gli piace la musica hardcore, il jazz, gli anni di piombo, la storia delle droghe, l’anarchismo, gli estremismi, i fumetti, Pollock, le periferie. Entra nel vortice della scrittura e comincia a pubblicare libri: “questanonèpoesia” (Gli Occhi di Argo, 2012); “Conta fino a zero” (L’Argolibro, 2013); “Golgota souvenir” (Golena Edizioni, 2014); “Non chiedetemi il significato” (Edizioni La Gru, 2014); “Dio del cemento” (Mora Edizioni, 2016); “È solo controllo” (Edizioni Augh!, 2017) È ancora vivo.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.