iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Pryapisme – Futurologie

Solo dei simpatici folli possono pensare di presentare undici brevissimi brani privi di una sequenza logica, nei quali confluiscono jazz, elettronica, metal e chi più ne ha più ne metta, per poi piazzare in coda una traccia di oltre venti minuti che riprende tutto quanto successo in precedenza in formato sinfonico.

Pryapisme – Futurologie

Quand’ero bambino (qualche era geologica fa … ) l’idea che mi ero costruito della musica francese era che fosse essenzialmente rappresentata dai grandi chansonnier, di giganti come Gilbert Bécaud, Charles Trenet o Charles Aznavour.

Dopo diversi decenni non si può fare a meno di constatare che qualcosa nell’aria che respirano i cugini d’oltralpe dev’essere radicalmente cambiato, vista l’elevata concentrazione odierna di band che esprimono la loro creatività in maniera definibile, in maniera eufemistica, anticonvenzionale.
Qualcuno fa il grande colpo dando alle stampe un capolavoro in grado di meravigliare ad ogni ascolto (i 6:33 con “Deadly Scenes”), mentre altri, pur senza raggiungere simili livelli, se ne strafottono bellamente di ogni schema consolidato, riversando su un disco qualsiasi cosa passi loro per la testa (e non solo) come fanno i Pryapisme .
Questo manipolo di pazzi sa il fatto proprio a livello strumentale, e ce lo dimostra nell’arco dei tre quarti d’ora di musica apparentemente composta da figuri afflitti da un disturbo “quadripolare” (perché bipolare sarebbe troppo banale …) facendo quasi apparire dei grigi travet gente come Fantomas e affini.
L’unico problema è che qui la bizzarria prende troppo spesso il sopravvento, rendendo oggettivamente complicato seguire il filo logico di un disco che di logica, in effetti, ne ha pochina.
Il lavoro ha comunque un suo fascino ma io, ritenendomi una persona semplice, penso sempre che la musica mi debba soprattutto emozionare e, pur apprezzandone gli sforzi e rispettando le scelte artistiche, non sono mai riuscito ad innamorarmi facilmente di chi si fa promotore di proposte troppo cervellotiche.
I Pryapisme hanno il pregio però di rendersi simpatici, non solo perché evidenziano in ogni occasione il loro amore per i gatti: il loro atteggiamento scanzonato può costituire infatti un ideale grimaldello per penetrare con più agio nelle criptiche partiture inscenate.
Poi, solo dei simpatici folli possono pensare di presentare undici brevissimi brani privi di una sequenza logica, nei quali confluiscono jazz, elettronica, metal e chi più ne ha più ne metta, per poi piazzare in coda una traccia di oltre venti minuti che ripropone tutto quanto accaduto in precedenza in formato orchestrale.
Di sicuro il “piccolo trattato di futurologia sull’homo cretinus trampolinis” non è una lettura consigliabile a chi si vuole rilassare …

Tracklist:
1.I – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
2.II – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
3.III – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
4.IV – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
5.V – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
6.VI – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
7.VII – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
8.VIII – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
9.IX – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
10.X – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
11.XI – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (et son annexe sur les nageoires caudales)
12.XII – Petit traité de futurologie sur l’Homo cretinus trampolinis (orchestral version)

Line-up:
Ban Bardiaux – Keys, vox
Nils Cheville – Guitars
Antony Miranda – Bass, moog, percs, vox
Nicolas Sénac – Guitars, synths
Aymeric Thomas – Drums, percs, electronics

PRYAPISME – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.