iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Phorminx – Phorminx

Disco omonimo di debutto per i Phorminx una formazione che fa della ricerca musicale il proprio cardine per orientarsi nell’universo musicale.

Phorminx – Phorminx

Non è rintracciabile un genere, suono apolide e libero di andare dove vuole, senza limiti né restrizioni, disco di una bellezza e di una forza impellente, fatto di musica totale e di purezza del suono nell’incontrarsi degli strumenti suonati da esploratori musicali.

Disco omonimo di debutto per i Phorminx una formazione che fa della ricerca musicale il proprio cardine per orientarsi nell’universo musicale. Questo spazio di ricerca musicale è stato pensato e costruito dal chitarrista e produttore romano Ruggero Fornari, che parte dalla sua chitarra elettrica per porsi la domanda : dove finisce la chitarra e comincia il puro suono ?

Bisogna dire che la risposta a questa non facile domanda è un disco di grandissima bellezza, dove proprio la purezza del significato del suono è la centralità dominante.

Qui non troverete tracce di pose, di ammiccamenti a scene o ere musicali, ma solo il suono visto, vissuto e sentito in milioni di sfaccettature, un’esplorazione molto approfondita di entità sonore e non solo, di sensazioni e di momenti di musica essenziale e che sa emozionare moltissimo.

Incontrare ed ascoltare i Phorminx è approcciarsi ad una forma di musica totalmente e fortunatamente estranea alle maniere della musica contemporanea, poiché è il suono che qui assume una valenza spaziale e matematica bene precisa, non deve intrattenere ma mostra, apre spazi inediti e arriva là dove c’è l’essenza.

La phorminx era un particolare tipo di cetra greca, uno dei più antichi strumenti a corda a noi conosciuti, e proprio partendo dalle origini in pratica de gli strumenti a corda si arriva alla totalità della musica dei Phrominx, dove la chitarra è appena il punto di partenza che si sviluppa insieme agli strumenti di Alessandro Cianferoni al basso elettrico e da Lorenzo Brilli alla batteria, che sono importantissimi all’interno di questa struttura musicale di grande bellezza.

Non è rintracciabile un genere, suono apolide e libero di andare dove vuole, senza limiti né restrizioni, disco di una bellezza e di una forza impellente, fatto di musica totale e di purezza del suono nell’incontrarsi degli strumenti suonati da esploratori musicali.

 

Phorminx

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

thou

Thou – Umbilical

I Thou fanno parte di quella corrente musicale sludge metal che nascendo a New Orleans ha contaminato il mondo con un muro di suono e dolore.

Daegonian – Through the great beyond

Daegonian – Through the great beyond:disco che scorre molto bene e che ci riporta ai fasti del symphonic death black, sottogenere prima abusato e ora quasi dimenticato, e qui siamo ai suoi massimi livelli.