iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Perihelion – Zeng

Zeng è un lavoro breve, piuttosto scorrevole grazie ad una manciata di brani nel complesso fruibili, spinti su ritmi movimentati e caratterizzati dall’utilizzo di una stentorea voce pulita al posto del consueto screaming.

Perihelion – Zeng

Secondo full length per questa band ungherese di formazione recente, dedita ad una forma di black dalle forti contaminazioni folk e post metal.

I Perihelion optano peraltro per l’utilizzo della lingua madre, il che conferisce al tutto un’aura particolare, anche se, di fatto, ciò inibisce inevitabilmente l’immediata comprensione dei testi.
Zeng è un lavoro breve, piuttosto scorrevole grazie ad una manciata di brani nel complesso fruibili, spinti su ritmi movimentati e caratterizzati dall’utilizzo di una stentorea voce pulita al posto del consueto screaming.
A di là di qualche lieve imperfezione l’operazione riesce nel complesso abbastanza bene, nonostante la scelta di optare per una proposta decisamente eclettica presentasse più di un’insidia: per fortuna, invece, questo personale coacervo di diversi umori offre diversi momenti di buona intensità, altrettanto evocativi nel loro incedere dai tratti piuttosto naif.
Molto brillante l’accoppiata centrale Végtelen kék / Égrengető, ad evidenziare nel migliore dei modi due differenti modi di interpretare la materia nell’ambito dell’album (di matrice folk il primo brano, più orientato al post metal con venature epiche il secondo), ma nel complesso si evidenzia una soddisfacente uniformità qualitativa, senza che vengano toccate vette di eccellenza assoluta.
Zeng però si lascia ascoltare molto volentieri, e la sua durata non eccessiva aiuta non poco in tal senso; niente male questa seconda prova dei Perihelion, alla luce anche dei notevoli margini di miglioramento riscontrabili.

Tracklist:
1. Tündöklés
2. Vég se hozza el
3. Felemészt a tér
4. Végtelen kék
5. Égrengető
6. Űzött
7. Hajad szél
8.Széthulló színek

Line-up:
Gyula Vasvári : Guitar & Vocals
Krisztián Szabados : Guitar
Balázs Hubicska : Bass
Barna Katonka : Drums

PERIHELION – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.