Perceverance – The Dark Mechanism

Ottimo debutto per i thrashers savonesi Perceverance.

Perceverance – The Dark Mechanism

Massacro thrash metal in quel di Savona?

Alla grande direi, dopo aver ascoltato l’ottimo debutto autoprodotto dei thrashers Perceverance, band dalle chiare influenze Bay Area e compagnia¬†assortita a stelle e strisce.
Il gruppo proveniente dalla Riviera di Ponente il genere lo sa maneggiare eccome, firmando un album trascinante, suonato bene e cantato meglio, gran bel esempio di old school direttamente da oltreoceano.
Una quarantina di minuti tutti anthem e cavalcate metalliche dal buon impatto, senza disdegnare un’impronta heavy, marcata nei brani presenti a met√† del lavoro, che variano e rendono l’assalto sonoro roba da stropicciarsi le orecchie e sbattere la testa contro ogni oggetto contundente presente nei paraggi.
Ottime ritmiche e solos al fulmicotone, e una grande prova al microfono del chitarrista Met, fanno di The Dark Mechanism un lavoro davvero riuscito ed un ottimo acquisto per i thrashers innamorati dei suoni classici del genere: il gruppo mette tanto del suo per rendere la propria musica il pi√Ļ personale possibile, anche se, ripeto, i richiami alle band storiche (Exodus, Anthrax e Death Angel su tutte) sono l√¨, a ricordarci che suonare thrash non vuol dire essere originali a tutti i costi, ma a fare la differenza devono essere l’impatto, l’attitudine, una buona padronanza degli strumenti ed un ottimo songwriting.
Andre e Kri, sezione ritmica devastante e sempre sul pezzo, formano, insieme al già citato Met e a Seib, ottima chitarra solista, una combriccola di distruttori affiatata che, con passione, sventola fieramente la bandiera del thrash metal senza compromessi, divertendo e facendo divertire gli appassionati con bordate violente, robuste ed a tratti esaltanti come Trapped In A Corner, Purity, Speed That Kills e Into The Void.
Gran bel disco ed un’altra ottima band che merita d‚Äôessere sottolineata in un panorama italico che, a livello underground, nel genere sta regalando da un paio d’anni grandi soddisfazioni.

Tracklist:
1 – Prepotence
2 – Hate Bringer
3 – Trapped in a Corner
4 – Mentally Dead
5 – Purity
6 – Speed That Kills
7 – Into the Void
8 – Persistence in Time
9 – Cronos
10 – The Dark Mechanism

Line-up:
Michele “Met” Alluigi – voce, chitarra
Sebastiano “Seib” Rusca – chitarra
Cristian “Kri” Fiorentino – basso
Andrea “Andre” Frasson – batteria

PERCEVERANCE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

LES LULLIES – MAUVAISE FOI

A cinque anni dal fragoroso album di debutto omonimo (un ruspante affresco di dieci episodi di veloce garage punk senza fronzoli) i francesi Lullies tornano sulle scene con un nuovo disco, “Mauvaise Foi” (Bad Faith) uscito, a fine maggio, sempre su Slovenly Rercordings.Il secondo Lp

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.