Perceverance – The Dark Mechanism

Perceverance – The Dark Mechanism

Massacro thrash metal in quel di Savona?

Alla grande direi, dopo aver ascoltato l’ottimo debutto autoprodotto dei thrashers Perceverance, band dalle chiare influenze Bay Area e compagnia assortita a stelle e strisce.
Il gruppo proveniente dalla Riviera di Ponente il genere lo sa maneggiare eccome, firmando un album trascinante, suonato bene e cantato meglio, gran bel esempio di old school direttamente da oltreoceano.
Una quarantina di minuti tutti anthem e cavalcate metalliche dal buon impatto, senza disdegnare un’impronta heavy, marcata nei brani presenti a metà del lavoro, che variano e rendono l’assalto sonoro roba da stropicciarsi le orecchie e sbattere la testa contro ogni oggetto contundente presente nei paraggi.
Ottime ritmiche e solos al fulmicotone, e una grande prova al microfono del chitarrista Met, fanno di The Dark Mechanism un lavoro davvero riuscito ed un ottimo acquisto per i thrashers innamorati dei suoni classici del genere: il gruppo mette tanto del suo per rendere la propria musica il più personale possibile, anche se, ripeto, i richiami alle band storiche (Exodus, Anthrax e Death Angel su tutte) sono lì, a ricordarci che suonare thrash non vuol dire essere originali a tutti i costi, ma a fare la differenza devono essere l’impatto, l’attitudine, una buona padronanza degli strumenti ed un ottimo songwriting.
Andre e Kri, sezione ritmica devastante e sempre sul pezzo, formano, insieme al già citato Met e a Seib, ottima chitarra solista, una combriccola di distruttori affiatata che, con passione, sventola fieramente la bandiera del thrash metal senza compromessi, divertendo e facendo divertire gli appassionati con bordate violente, robuste ed a tratti esaltanti come Trapped In A Corner, Purity, Speed That Kills e Into The Void.
Gran bel disco ed un’altra ottima band che merita d’essere sottolineata in un panorama italico che, a livello underground, nel genere sta regalando da un paio d’anni grandi soddisfazioni.

Tracklist:
1 – Prepotence
2 – Hate Bringer
3 – Trapped in a Corner
4 – Mentally Dead
5 – Purity
6 – Speed That Kills
7 – Into the Void
8 – Persistence in Time
9 – Cronos
10 – The Dark Mechanism

Line-up:
Michele “Met” Alluigi – voce, chitarra
Sebastiano “Seib” Rusca – chitarra
Cristian “Kri” Fiorentino – basso
Andrea “Andre” Frasson – batteria

PERCEVERANCE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.