Otargos – Xeno Kaos

Otargos – Xeno Kaos

Dalle viscere di un infernale abisso di malvagità tornano i francesi Otargos, band capitanata dal chitarrista e cantante Dagoth, unico membro superstite della formazione originale, attiva da più di dieci anni e che vede Xeno Caos come il sesto album di inediti di una discografia completata da un ep (l’esordio Codex 666 : Infernal Legions Strike del 2004), una compilation ed un live album.

Un lavoro enorme in fase di produzione ed un songwriting elevato, fanno del successore del buon Apex Terror di due anni fa, un monolitico e devastante blackened death metal album, reso magniloquente e a tratti epico da orchestrazioni create direttamente all’inferno, glaciali nel loro mood industrial, terrorizzanti e tragiche nell’incedere marziale.
Una prova davvero ben confezionata dal gruppo transalpino, che dimostra tutta la sua innata ferocia, ed un talento per atmosfere dark extreme metal sopra le righe.
Xeno Caos ci investe in tutta la sua malvagia potenza estrema, lasciando pochi dubbi sulle intenzioni di Dagoth e compari demoni: lasciare il mondo in mano a temibili extraterrestri, intenti a schiavizzare l’umanità cacciandola in un’era di puro terrore.
Aldilà del concept fantascientifico che sta dietro ai brani dell’opera, il sound risulta estremamente feroce, il gruppo non dà tregua, le atmosfere rimangono incanalate nel più puro disfacimento, sguazzando tra accelerazioni devastanti e marce cadenzate, rese apocalittiche dalle sinfonie al limite dell’industrial.
Il disco si attesta su di una qualità molto alta con picchi di debordante metal estremo come l’opener Dominatrix, l’esplosiva e velocissima Chariots Ov The Godz, con la sezione ritmica in stato di guerra (M. Pliszke al basso e John A a distruggere drumkit con i suoi tentacoli), l’arrembante title track e la battagliera Realm Of The Dead, una catastrofica prova di forza dalla potenza di un’astronave, resa tellurica da sfuriate in blast beat devastanti.
Le atmosfere di guerra totale in Xeno Caos non hanno eguali, le pattuglie della morte lanciate sul pianeta hanno portato l’inferno sulla terra, e la musica degli Otargos è la perfetta colonna sonora di cotanta distruzione.
La furia dei Behemoth, l’epico incedere orchestrale dei Septic Flesh più un odore di morte, che i mucchi di cadaveri rilasciano nel tragico inizio della putrefazione, vi circonderanno per tutta la durata di quest’opera, nera come il fumo rilasciato dalle città in fiamme.
Grande band ed ottimo ritorno, consigliato.

TRACKLIST
1. Dominatrix
2. The Ruinous Powers
3. Chariots ov the Godz
4. Dark Mechanicus
5. Phase Shifters
6. Xeno Kaos
7. Realm of the Dead
8. Human Terminate
9. Infernal Legions Strike A.E. *

LINE-UP
Urich Wegrich. Dagoth : Guitars & Vocals
John A : Drums
Hindrik A.S. : Guitars
M. Pliszke: Bass

OTARGOS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.