iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Orelle – Primulae Radix

La personalità della cantautrice stenta a farsi riconoscere

Orelle – Primulae Radix

La pugliese Orelle, cantautrice in attività da ormai almeno un paio di anni, trovato il supporto della Black Candy Records, debutta sulla breve distanza con i sei brani dell’ep Primulae Radix. Il disco, rapido e intenso, si concentra su un pop/rock raffinato che non disdegna incursioni in ambito jazz.

Il ritmo vivace di Caos, accompagnato da tastiere delicate e un cantato che lentamente prende il volo, introduce lo spirito rock e complicato di Incantevole (decisamente coinvolgente la seconda parte, guidata dall’improvvisare di pianoforte) e il coinvolgere emotivo dell’affascinante esplodere di Ipotesi Plausibile. Il sound lento e sospeso di Perfect Thought, accarezzando con le sue morbide melodie, acquista leggero vigore solo nel finale, lasciando che a seguire siano la leggera chitarra di Ballata Dell’Inetto e il delicato chiudere della morbida e quasi strumentale Apex.

I sei pezzi presentati da Orelle, nonostante siano sempre raffinati e curati, rischiano di perdere mordente a causa del fatto che la personalità della cantautrice stenta a farsi riconoscere; l’impressione è che manchi ancora quel qualcosa che renda effettivamente distinguibile il suo sound. Insomma, il livello qualitativo presentato è buono, ma, pensando in prospettiva di un disco lungo, credo che il lavorare sul dare maggior personalità ai pezzi sia l’obiettivo primario.

Tracklist:
01. Caos
02. Incantevole
03. Ipotesi Plausibile
04. Perfect Thought
05. Ballata Dell’Inetto
06. Apex

ORELLE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90