iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ophis – Effigies Of Desolation

Chi non possiede la copia originale di “Stream Of Misery” potrebbe sfruttare questa occasione per accaparrarselo in una veste arricchita di contenuti di indiscutibile interesse.

Ophis – Effigies Of Desolation

Effigies Of Desolation non è il nuovo disco degli Ophis ma si tratta di una raccolta, nel formato del doppio cd che, sotto l’egida della Cyclone Empire, ripropone il full-length d’esordio, “Stream Of Misery” ed il precedente Ep “Nostrae Mortis Signaculum”, da anni non più disponibili sul mercato, oltre al primissimo demo inciso ed alcuni brani live.

Questa operazione potrebbe apparire tutto sommato prematura, considerando che la band tedesca non ha alle spalle una discografia particolarmente ricca, avendo al suo attivo un solo altro disco oltre al materiale presente in questa riedizione; il senso dell’iniziativa, però, si può intuire ascoltando con attenzione i due brani contenuti nello split con gli Officium Triste, “Immersed”, uscito lo scorso anno, che mostravano un volto diverso della band amburghese che pare volersi svincolare dai canoni del death-doom, protendendosi verso un sound sempre cupo ma contemporaneamente aperto ad una contaminazione con il post metal.
Alla luce di questo, l’ascolto di Effigies Of Desolation costituisce una sorta di tuffo in un passato che non rappresenta più gli Ophis che verranno, ma resta il fatto che per un appassionato di death-doom l’ascolto di brani cupi e malinconici come Pazuzu o Dolor Nil Finis costituisce sempre un piacere impagabile.
Anche i brani più vecchi mostrano il valore della band evidenziando contemporaneamente quale sia stata la sua evoluzione in un lasso di tempo relativamente breve com un lustro.
Come accade a gran parte delle compilation, non è tanto la musica in essa contenuta quanto la sua reale utilità ad essere messa in discussione; resta il fatto che “Stream Of Misery” è un disco davvero splendido per cui, chi non ne possedesse la copia originale, potrebbe sfruttare questa occasione per accaparrarselo in una veste arricchita di contenuti di indiscutibile interesse.

Tracklist :
Disc 1
1. Godforsaken
2. Beneath Sardonic Skies
3. Dead Inside
4. Pazuzu
5. Dolor Nil Finis
6. Black Wish
7. Thy Flesh Consumed
Disc 2
1. Funeral
2. Kennel of Estrangement
3. Convert to Nihilsm
4. Nostrae Mortis Signaculum
5. Pazuzu (live)
6. Convert to Nihilism (live)
7. The Halls of Sorrow (demo)
8. Suffering Is a Virtue (demo)
9. Caressing the Dead (rehearsal)

Line-up :
Philipp Kruppa – Vocals, Guitars
Nils Groth – Drums
Oliver Kröplin – Bass
Martin Reibold – Guitars

OPHIS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico