iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Old Polaroid – Nina

Tornano gli Old Polaroid, progetto del musicista siciliano Francesco Cipriano, dei quali avevamo già recensito la buona prima uscita.

Old Polaroid – Nina

Da quell’album autointitolato di acqua ne è passata in casa Old Polaroid, e il tempo ha portato ottime cose. Questo disco è un insieme di emozioni e di fotografie messe in ritmo, con in più la grande voce di Zoe Berlin, sudafricana che ha un timbro che sa di profonda bellezza, una cantante davvero rara.
Insieme a Zoe, Francesco Cipriano ed Enzo Cimino ci portano lontano, oltre il trip hop, oltre l’indie e oltre le catalogazioni, per darci la gioia di sentire un disco nuovo ma vecchio nel senso positivo.
Nina è un disco molto dolce, fatto di canzoni originali tra rock ed elettronica, in un posto dove esiste ancora il tempo per fermarsi a sentire, non a consumare musica.
Gli Old Polaroid vivono anche di mille influenze, si passa dalle citazioni indie ad un rispolvero almeno spirituale dei Portishead, se non altro per il gusto di scavare nella canzone.
Questo cd è il classico esempio di musica che ha solo bisogno di essere inserito nel lettore, e poi fa tutto da solo.
Volendo proprio dare una definizione di genere, questo è pop molto bello e raffinato.

Tracklist:
1.Dreambox
2. Connie won’t let your family adopt a cat
3. Damn toothache
4. Moneyback
5. About me, clown
6. Better off wet
7. Dear mum
8. Stop talkin’
9. Not a love song
10. If I was a painter
11. Ballad of the sicilian fisherman
12. Chaz is cookin’ a cake

Line up:
Zoe
Enzo
Francesco

OLD POLAROID – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.